Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Camera di Commercio di Tripoli in missione in Italia: aziende invitate ad installare produzioni in Libia


Camera di Commercio di Tripoli in missione in Italia: aziende invitate ad installare produzioni in Libia
06/07/2012, 16:07

ROMA, 6 LUGLIO 2012 – La Libia chiama, le aziende italiane rispondono. E’ positivo il bilancio della missione in Italia della Camera di Commercio di Tripoli rappresentata da Farag M. M. Sheftry, Presidente del comitato delle PMI e membro del consiglio amministrativo. Organizzata da ItalAfrica, la ‘quattro giorni’ segue il protocollo di intesa istituzionale sottoscritto tra i due enti in maggio a Tripoli. La missione è terminata oggi.

Mr. Sheftry ha singolarmente incontrato 25 imprenditori intenzionati a stringere rapporti commerciali con la Libia o a replicare in quel Paese le proprie linee produttive. Mr. Sheftry ha quindi visitato alcuni stabilimenti mostrando grande interesse per gli alti livelli qualitativi delle produzioni italiane.

A tutti gli imprenditori ha chiesto di valutare l’ipotesi di impiantare proprie fabbriche in Libia al fine di garantire sviluppo e formazione della manodopera locale e di avviare il processo virtuoso di creazione in loco di prodotti qualitativamente paragonabili all’ambitissimo ‘made in Italy’. Per attrarre questo tipo di investimenti, Sheftry ha illustrato la lunga serie di agevolazioni fiscali pianificate per la ricostruzione: esenzione dalle tasse per sei anni, defiscalizzazione degli utili ed abbattimento delle barriere doganali i principali punti oltre agli incentivi statali sia nella costruzione degli opifici sia nell’acquisto diretto di alcune produzioni.

Illustrata anche la possibilità di stringere partnership e joint venture con aziende locali, di subentrare allo Stato nelle quote da esso detenute in grosse partecipate locali, di inviare prodotti semilavorati al 50% e la possibilità di avviare percorsi di formazione professionale. “Il popolo libico desidera acquistare prodotti italiani invece di quelli turchi o cinesi. Vi chiediamo di aprire da noi le vostre fabbriche, sapremo esservene riconoscenti” ha ripetuto più volte.

Al termine degli incontri l’ing. Alfredo Cestari, presidente della Camera di Commercio ItalAfrica Centrale, ha detto: “Riteniamo necessario continuare nella fitta interlocuzione con le Camere libiche. Il Cnt ha previsto una serie di favorevoli misure a supporto delle internazionalizzazioni oltre a fondi per centinaia di milioni di euro destinati all’accompagnamento delle imprese occidentali nel percorso di insediamento in Libia. Misure che certamente saranno confermate dal prossimo Governo. La presenza in Italia della Camera di Tripoli ha determinato un forte interessamento in un gran numero di aziende. Dalla prossima missione di fine settembre a Tripoli, che ItalAfrica sta definendo, ci aspettiamo la definizione dei primi contratti. Essa culminerà con la sottoscrizione del protocollo di intesa anche con la Camera di Bengasi e con l’apertura dell’ufficio ItalAfrica a Tripoli”.



Aziende e studi professionali incontrati. Gli esiti

Elettromena srl (specializzata nella produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili – eolico, biomasse e fotovoltaico. Sede: Napoli). E’ interessata ad aprire impianti eolici in Libia.

Finance&Planning (Società di assistenza ai Governi nei processi di partecipazione a bandi di sviluppo pubblicati da enti sovranazionali come Ue, Banca Mondiale, Banca Europea degli Investimenti, Banca Africana di Sviluppo. Sedi: Napoli-Bruxelles). Si creerà il contatto con i Ministeri competenti del nuovo Governo per lo sviluppo delle attività.

Armena Sviluppo SpA (Agenzia di sviluppo dell’area metropolitana di NapoliI. Interessata ai processi di formazione del personale libico, fissato l’appuntamento operativo per settembre 2012 a Tripoli.

Winfly (Compagnia aerea specializzata in voli segmento Executive. Sede: Salerno) E’ stato chiesto di implementare il settore anche in Libia e di affacciarsi al segmento dei voli regionali di linea;

Slam (compagnia aerea, sede: Napoli). E’ stato chiesto di verificare possibili sbocchi per le manutenzioni;

Studio Legale Maiello (sede: Napoli). Possibili collaborazioni con analoghi studi legali libici;

BCC Fisciano (Banca di Credito Cooperativo: sede Fisciano - Sa). Opererà attivamente con linee di credito a favore delle imprese italiane che avvieranno rapporti commerciali con la Libia o replicheranno lì le proprie linee produttive;

Jumbo Engineering (Costruzioni aeromeccaniche ed industriali, cantieristica. Sede: Baronissi - Sa). Intenzionato ad impiantare linee di produzione in Tunisia, sta valutando l’ipotesi di scegliere, invece, la Libia. Interesato a partecipare a gare d’appalto.

Scatolificio Salernitano SaS (produzione involucri per alimenti). Intenzionati ad avere contatti diretti con produttori alimentari libici per proprie forniture;

MECA srl (lavorazione banda stagnata, sede: Mercato San Severino – Sa). Interesati ad esportare il prodotto finito o semilavorati.

IS Interscambi (impianti macchine e forniture, carpenteria in ferro, verniciature metalli, sede: Mercato San Severino – Sa). Verificano la possibilità di commercializzazione dei prodotti finiti e di apertura di autonome linee di produzione in loco.

Pastificio Vietri SpA (Produzione pasta, sede: Montoro Inferiore - Av). Interessati ad allargare alla Libia il proprio mercato di riferimento.

Prodotti del Sole srl (produzione pasta, sede: Fisciano – Sa). Interessato ad allargare alla Libia il proprio mercato di riferimento.

Aversa Caffè (sede: Battipaglia, Sa). Interessato ad aprire uno stabilimento di produzione caffè in Libia.

Bruno generators srl (produzione di motori per generazione energia elettrica ad uso industriale, sede: Grottaminarda, Av). Interessati ad allargare alla Libia il proprio mercato di riferimento ed a partecipare a gare d’appalto per forniture statali. A medio termine strutturazione business plan per possibile apertura propria sede industriale in quel Paese.

Italtipici srl (produzione ed imbottigliamento olio per uso alimentare – olive e semi. Sede: Buccino, Sa). Interessati all’acquisto di scorte di olio libico prodotto nell’anno corrente ed a verificare la possibilità di installare alcune linee di produzione in Libia.

Simar Srl (produzione infissi di alta qualità in Pvc e vetroresina. Sede: Tramutola – Pz). Interessati a formare manodopera locale ai fini dell’assemblamento del semilavorato. Interessati alla commercializzazione del prodotto finito attraverso joint venture o partnership con aziende locali. Verificheranno la possibilità di installare un proprio punto-produzione in Libia.

GDA spa (piattaforma di grande distribuzione di tutti i prodotti alimentari. Sede: Polla, Sa). Interessati ad esportare in Libia. Camera Commercio Tripoli disponibile a fornire i contatti di tutti i supermercati libici e dei venditori al dettaglio. Richiesto un approfondimento sulla commercializzazione delle uova, prodotto scarseggiante ma molto richiesto specie nei periodi di Ramadan.

Noce Costruzioni Srl (impresa edile. Sede: Trentinara – Sa). Collegata ad aziende locali, già lavora in Libia ma ha l’ambizione di rendersi autonoma.

Same Deutz Fahr Group (azienda produttrice macchine agricole, motori diesel e trattori. Sede: Treviglio - Bg)Azienda presente in Medio Oreinte e in nord Africa, ha interesse ad investire in una Libia stabilizzata dal punto di vista socio-politico.

Termogramma Impianti e Servizi Srl (Raffreddamento e riscaldamento per processi - Climatizzazione - Recupero energetico. Sede: Concorezzo – Mi). Interessati a Codice di investimento.

Pancotti Spa (settore del movimento terra per la commercializzazione di macchine nuove e usate. Sede: Lodi). Interessati al mercato libico. Da approfondire le forme di coinvolgimento.

Delta Srl – Gruppo Delta (settore dell’impiantistica elettrica, installazione e manutenzione di impianti elettrici, meccanici e calibrazione strumentazione di processo. Sede: Ravenna). Interessati sviluppi mercato libico.

Consorzio Enerlog (piattaforma logistica. Sede: Roma). Interessati sviluppi mercato libico

Masterproject Sas (Consulenza finanziaria e commerciale. Sede: Caserta). Interessati sviluppi mercato libico

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©