Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Campania, è caos per l'accorpamento dei Tribunali

Il 2 luglio la pronuncia della Consulta sui ricorsi.

Campania, è caos per l'accorpamento dei Tribunali
24/06/2013, 09:21

Il futuro della Giustizia italiana passa per il Tar. Sono numerosissimi infatti i ricorsi piovuti da più parti d'Italia, su cui il 2 luglio si pronuncerà la Consulta avverso l'accorpamento dei "Tribunalini". Il ministro Cancellieri e il presidente Napolitano hanno ribadito i tempi: sarà rispettato il termine di settembre. Il provvedimento andrebbe a sopprimere circa mille uffici giudiziari sparsi in tutt'Italia, perlopiù lontani dagli attuali capoluoghi di provincia. Per quanto concerne la situazione in Campania, nello specifico colpita dalla soppressione dei Tribunali di Sala Consilina, di Sant'Angelo dei Lombardi e di Ariano Irpino, oltre che dallo smembramentio di nove sedi distaccate, il provvedimento coinvolge oltre
un milione e mezzo di potenziali utenti. La situazione campana appare avvolta nel caos perchè si è impreparati al piano previsto dal governo. Il provvedimento prevederebbe le soppressioni delle seguenti sedi distaccate: per Avellino il Tribunale di Cervinara; per la provincia di Benevento Airola e Guardia Sanframondi; per la provincia partenopea Afragola, Capri, Ischia, Frattamaggiore, Marano, Portici, Pozzuoli; per il Tribunale di Torre Annunziata le sedi distaccate di Castellammare di Stabia, Sorrento, Torre del Greco e Gragnano; per quanto riguarda Santa Maria Capua a Vetere i Tribunali di Aversa, Casoria, Marano, Marcianise,
Portici, Pozzuoli e Piedimonte Matese e per Salerno quelli di Amalfi, Cava de' Tirreni, Eboli, Mercato San Severino, Montecorvino Rovella e Sapri.
Il provvedimento rientra nell'ambito dei tagli lineari previsti dall'ormai ex
governo Monti e a decorrere dal prossimo 13 settembre dovrebbero scomparire, per sempre e per fusione, 31 tribunali, 37 procure e 220 sezioni distaccate, con una perdita di posti di lavori considerevole oltre a disagi di ogni tipo per una Giustizia non più a chilometri zero.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©