Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Campania, CISL: Domani riunione gruppo dirigente per mobilitazione e conferenza sviluppo


Campania, CISL: Domani riunione gruppo dirigente per mobilitazione e conferenza sviluppo
15/03/2011, 15:03

Napoli, 15 marzo. Domani, mercoledì 16 marzo, alle ore 9.30, presso l’Hotel Ramada, (Via Galileo Ferraris, n. 40 – Napoli) si tiene il Comitato Esecutivo della Cisl Campania che valuterà quali azioni intraprendere nei confronti della Giunta regionale, compresa una mobilitazione generale nel caso in cui continui a persistere l'assenza di risposte da parte della Regione sulle delicate questioni aperte da tempo dalla Cisl Campania.

All'ordine del giorno anche l'ipotesi di una conferenza regionale sullo sviluppo che dovrà sistematizzare l'insieme delle proposte che la Cisl Campania offrirà alla Giunta e al mondo dell'economia regionale con l’obiettivo di costruire un percorso concreto e credibile di sviluppo del territorio.

Oltre al leader regionale della Cisl, Lina Lucci, all’esecutivo partecipano Pietro Cerrito, Segretario Confederale Cisl Nazionale, i segretari delle Categorie Regionali e i Segretari provinciali della Cisl.

Due sono le tematiche al centro della riunione: la sanità e lo sviluppo. La prima, infatti, assorbe il 65% delle risorse pubbliche regionali e richiede politiche di maggiore responsabilità e rigore nei confronti dei centri decisionali di spesa. Finora sono stati richiesti sacrifici solo ai cittadini utenti e a chi lavora nel comparto, mentre chi, in ruoli di primo piano, ha contribuito fortemente al disastro di questi anni è rimasto al proprio posto. Ne deriva una situazione insostenibile con i cittadini, i lavoratori, i pensionati costretti a pagare le tasse più alte per ricevere servizi spesso inadeguati.

Per quanto concerne lo sviluppo, ottenuto finalmente ieri l'impegno chiesto da mesi per un Tavolo Regionale sul tema, la Cisl ritiene urgente e indispensabile affrontare l'attuale situazione di crisi economica e sociale in cui versa la Campania con politiche condivise che creino reale occupazione e che tengano conto delle scadenze nell'impegni dei fondi.

Il Cipe, infatti, impone alla regione di provvedere ad individuare nei programmi operativi gli obiettivi di spesa giuridicamente vincolati e pertanto entro il prossimo 30 maggio la Campania deve indicare come intende impiegare 1 miliardo e 375 milioni di fondi europei.

Su questi temi e sulle azioni necessarie per un rilancio della Campania, inoltre, la Cisl, da sempre votata al dialogo e alla ricerca delle migliori soluzioni per il territorio e per i lavoratori, attraverso la Conferenza per lo Sviluppo punta ad un pieno coinvolgimento e condivisione del mondo delle imprese ad un piano per la Campania.

Per la mobilitazione, così come per la Conferenza per lo Sviluppo, domani l'Esecutivo indicherà il percorso e proporrà un documento di analisi e di proposte, che invierà alla Regione Campania sollecitandone risposte tempestive.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©