Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Cercare lavoro è un lavoro: consigli pratici su CV ed altri dettagli


Cercare lavoro è un lavoro: consigli pratici su CV ed altri dettagli
21/01/2019, 11:19

CV in formato europeo, Europass, Assessment, Video CV, test attitudinali. Come trovare lavoro sta diventando, sempre di più, una professione a tempo pieno! Quante volte ti sarà capitato di girare su Google per sbirciare modelli di email, per scopiazzare lettere di presentazione, per prendere spunto da curriculum o roba varia o semplicemente per scoprire la ricetta di come trovare lavoro velocemente? Gli esperti potrebbero parlare di ansia da prestazione, o da colloquio di lavoro. Per noi, invece, è pura e semplice quotidianità. Ci siamo passati tutti: il primo faccia a faccia con un responsabile delle risorse umane, la prima chiamata conoscitiva, la prima video conferenza. E ogni volta sempre la stessa adrenalina, sempre la stessa paura. Ma, alla fine, come si cerca lavoro? Ci sono delle mosse, degli espedienti, da seguire per centrare il bersaglio?

Cercare lavoro, come fare? Dal Curriculum…

Il primo passo da compiere, ovviamente, è quello di scrivere un ottimo e convincente Curriculum Vitae. Che non è un semplice documento, un fogliaccio che serve solo per attestare la tua esperienza professionale e il tuo percorso formativo. È il primo strumento di valutazione delle tue competenze, del tuo profilo e delle tue attitudini da parte dell’azienda. Un curriculum ben scritto, affiancato da una buona lettera di presentazione, può essere quindi decisivo nella tua ricerca. I consigli degli esperti dell'agenzia Adecco per trovare lavoro ci dicono, innanzitutto, che bisogna concentrarsi, nella sua stesura, sulle informazioni importanti: bisogna scrivere solo le nozioni essenziali, essere chiari e corretti, eliminare accuratamente refusi, errori o espressioni ridondanti, non superare le due – tre pagine.

…Alla lettera di presentazione

Per la lettera di presentazione, invece, la dritta è quella di creare tre paragrafi: nel primo fare una sorta di introduzione, dove indicare la fonte dell’annuncio e citare la posizione per la quale ci si candida, nella parte centrale scrivere la propria presentazione, in cui parlare di quelle esperienze che vanno a dama con i requisiti richiesti dall’offerta, e infine una terza parte con le motivazioni della candidatura (stimoli, interessi, ambizioni personali).

Occhio ai vostri profili social!

Curriculum e lettera sono gli strumenti tradizionali e classici nel mondo dell’impresa. Ma siamo nel 2018, nel pieno dell’era digitale, e allora come si fa a cercare lavoro senza tenere in considerazione il mondo di internet e, soprattutto, dei social network? Siamo, insomma, nell’era del “Social Business”, in cui i nostri profili Facebook, Twitter, Instagram sono utilizzati per una sorta di pre selezione web per valutare il candidato, la sua personalità e i suoi interessi, e addirittura per fare un confronto incrociato tra ciò che abbiamo scritto nel nostro CV e le informazioni reperibili online. Insomma, il Grande Fratello ci guarda sempre! Ecco allora un paio di consigli utili: scegli una foto profilo professionale (ad esempio, elimina quella foto col vestito di carnevale!), crea un profilo completo (“Studi presso Università della Strada” forse è il caso di toglierlo), condividi contenuti interessanti aumentando visibilità ed efficacia, cercando di non degenerare nel fanatismo (politica, calcio o religione: opinioni sì, ma senza esagerare).

Lo scontro finale: il colloquio

Se tutti i passaggi fin qui sono andati bene, si arriva presto alla prova finale: il tanto temuto colloquio! Ancora un paio di consigli utili: bisogna saper dimostrare che vuoi fortemente il lavoro per cui ti sei candidato, devi saper porre domande sensate e interessanti, devi giocarti alcune arte come la simpatia e la cordialità, per mettere la chiacchierata subito verso canali a te più vicini. E poi, come per le interrogazioni in classe, alla domanda a piacere “Ci parli un po’ di lei” parti a bomba! Carriera, formazione, competenze, attitudini. Tutto fa brodo e tutto può essere utile. Perché non esisterà la formula perfetta per come cercare lavoro, ma di certo ci si può avvicinare!

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©