Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Gli organizzatori: siamo oltre 60mila. Contestazione Cobas

Cgil in piazza a Napoli: "Pomigliano non si piega"


.

Cgil in piazza a Napoli: 'Pomigliano non si piega'
25/06/2010, 12:06

NAPOLI - Più di cinquantamila manifestanti in corteo, città paralizzata, tensione all'arrivo dei sindacati di base al comizio in piazza Matteotti. La protesta nazionale indetta dalla Cgil a Napoli verte sul piano Fiat per il rilancio dei circa 700milioni di investimenti per portare la produzione della Panda a Pomigliano.  Accolti dagli applausi i lavoratori Fiom dello stabilimento, intervenuti mentre la fiumana si snodava lungo tutto il corso Umberto. E non si è fatta attendere la contestazione dei Cobas, che da un furgoncino, in piazza Matteotti, hanno scandito slogan contro Cisl, Uil e anche Cgil, accusata di aver dato indicazione per il sì al referendum di Pomigliano. Tra i manifestanti ci sono anche il leader dell'Idv, Antonio Di Pietro, con indosso una maglietta con la scritta "Pomigliano non si piega", ed il portavoce nazionale di Sinistra e Libertà Nichi Vendola.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©