Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Cgil su vicenda scuola Mugnano: Si affronti il problema dell'inclusione scolastica


Cgil su vicenda scuola Mugnano: Si affronti il problema dell'inclusione scolastica
24/09/2013, 13:11

NAPOLI - "In attesa dell'esito degli approfondimenti da parte delle istituzioni, a partire dal Ministro Carrozza che e' intervenuta in questo caso, noi vogliamo provare a riflettere sul come sia possibile che tali episodi avvengano. E' chiaro che le prime responsabilità vanno individuate nei ripetuti e continui tagli effettuati in questi anni alla scuola pubblica e alle politiche sociali che hanno ridotto il diritto allo studio e scaricato sulle famiglie sempre più sole il costo di una crisi sociale oltreche economica". E' quanto si legge in un comunicato diffuso dalla Camera del lavoro metropolitana di Napoli.
"In questo contesto - precisa Raffaele Puzio, responsabile ufficio disabilità Cgil Napoli - tante persone provano a 'seminare' nei territori i semi di una societa' piu' equa e giusta senza esclusioni, creando reti di solidarietà, sostenendo enormi sacrifici. Noi della Cgil crediamo che occorre parlare e discutere a partire da questo perche' il gioco al massacro che parte dalla condanna alle famiglie protagoniste ci sembra un'esercizio retorico che non cancellera' mai la sofferenza che ha generato questo episodio".
"Ecco perché - aggiunge il segretario generale della Cgil di Napoli, Federico Libertino -  noi vorremmo concretezza dalle istituzioni e dalle forze politiche: questi episodi devono indurre alla riflessione ma soprattutto devono impegnare tutti a mettere in campo quanto necessario affinché la scuola diventi realmente il luogo di inclusione e costruzione di quella società alla quale si richiama la nostra Costituzione".
"Altrimenti - conclude Libertino - rischieremmo di ottenere solo la strumentalizzazione dell'episodio per altri scopi e dimenticare completamente il destino dell'alunno disabile come purtroppo avviene a tanti altri disabili anche laddove non si verificano episodi di discriminazione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©