Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Cinque giovani salentini lanciano un nuovo prodotto ecologico


Cinque giovani salentini lanciano un nuovo prodotto ecologico
15/02/2011, 15:02

Fra due giorni, il 17 febbraio, apre a Milano l’edizione 2011 della BIT – Borsa Internazionale del Turismo, il salone più importante in Italia per uno dei settori economici più promettenti nel nostro futuro, mentre da appena un mese dovrebbe essere entrato in vigore il bando ai sacchetti di plastica non biodegradabili.

Cinque studenti della scuola leccese, appartenenti al movimento di promozione territoriale “Repubblica Salentina”, hanno progettato per il prossimo futuro l’utilizzo della “Eco-Borsa del Turismo”, una nuova borsa in cotone ecologico che sarà utilizzata per raccogliere ed inviare materiale promozionale del Salento. Elisa Carriero, Andrea Carrozzo, Federica Cavallo, Jacopo Chirizzi e Matteo Indirli, studenti della classe 3B, hanno realizzato un logo specifico, divertente e molto emblematico, da riprodurre sulle nuove borse prima della loro divulgazione. Si tratta della tartaruga multicolore “BelluBellu”, un simbolo della campagna “Salento Slow Life” inserita nel programma salentino della BIT, nonché uno degli animali, la tartaruga, più soggetti a strozzamento per ingestione proprio dei sacchetti di plastica. Sotto la tartaruga, la borsa riporta inoltre la scritta “Salento slow and green life – mai più buste di plastica”.

L’Eco-Borsa del Turismo è stata concepita per un utilizzo ben specifico, quello di raccogliere e distribuire materiale turistico promozionale ed informativo del Salento. Sarà infatti utilizzata presso le prossime esposizioni e fiere specialistiche, sarà usata per l’invio di depliant e brochure ai turisti che ne faranno richiesta attraverso i siti ed i portali gestiti dagli studenti della scuola e sarà inoltre utilizzata localmente dai centri territoriali di informazione turistica e proloco.

Gli studenti dell’Istituto Tecnico Economico per l’Informatica e per il Turismo “Costa” di Lecce non sono certo nuovi a certe “trovate” che combinano insieme creatività, ingegno, senso pratico e spirito imprenditoriale. Hanno infatti lanciato la campagna denominata “Formula 30-20-10” per promuovere in due periodi dell’anno il Salento low cost, hanno promosso la “Salentoterapia” come nuova cura benefica, hanno redatto l’originalissimo “Decalogo dell’accoglienza e dell’ospitalità salentina” e hanno pubblicato l’elenco con tutte le strutture “animal friendly” del territorio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati