Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Claudio Carpentieri, nuovo brand manager MINI


Claudio Carpentieri, nuovo brand manager MINI
14/02/2012, 16:02

Dal prossimo 1 marzo 2012 prende il posto di Michele Fuhs che torna in BMW AG per ricoprire nuovi incarichi.

A partire dal prossimo 1° marzo 2012, Claudio Carpentieri assumerà la carica di Brand Manager MINI, succedendo a Michele Fuhs che rientrerà in BMW AG per assumere nuovi incarichi come Project Leader enhanced POS in Future Retail.

Claudio Carpentieri, 46 anni, laureato in giurisprudenza è in BMW dal 2004 dove ha ricoperto inizialmente il ruolo di “Used Cars & Re-marketing Manager”. Dal 2008 al 2009 ha maturatoun’esperienza professionale in BMW AG dove ha assunto l’incarico di Used Car Project Manager.

Rientrato in Italia nel 2010 ha è stato responsabile del Progetto di Retail Performance Management e dal 2011 ricopriva il ruolo di “Customer Focus Project Manager”.

Il BMW Group

Il BMW Group, con i marchi BMW, MINI, Husqvarna Motorcycles e Rolls-Royce, è uno dei costruttori di automobili e motociclette di maggior successo nel mondo. Essendo un’azienda globale, il BMW Group dispone di 25 stabilimenti di produzione dislocati in 14 paesi e di una rete di vendita diffusa in più di 140 nazioni.

Il BMW Group ha raggiunto nel 2011 volumi di vendita di 1,67 milioni di automobili e oltre 113.000 motociclette nel mondo. I profitti lordi per il 2010 sono stati di 4,8 miliardi di Euro, il fatturato è stato di 60,5 miliardi di Euro. La forza lavoro del BMW Group al 31 dicembre 2010 era di circa 95.500 associati.

Il successo del BMW Group è fondato su una visione responsabile e di lungo periodo. Per questo motivo, l’azienda ha sempre adottato una filosofia fondata sulla eco-compatibilità e sulla sostenibilità all’interno dell’intera catena di valore, includendo la responsabilità sui prodotti e un chiaro impegno nell’utilizzo responsabile delle risorse. In virtù di questo impegno, negli ultimi sette anni, il BMW Group è stato riconosciuto come leader di settore nel Dow Jones Sustainability Index.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©