Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Codacons su medici Cassazione Campania


Codacons su medici Cassazione Campania
19/05/2011, 15:05

Importante sentenza della Corte di Cassazione che apre la strada ai risarcimenti anche in favore dei medici specializzati della Campania che non hanno ottenuto dallo Stato le remunerazioni loro spettanti. La suprema Corte, infatti, con una sentenza del 18 maggio scorso, ha accolto le tesi da sempre sostenute dal Codacons in materia di mancata remunerazione dei medici specializzati.

In particolare, la Cassazione ha riconosciuto, sulla base anche degli argomenti prospettati dal Codacons, intervenuto nel relativo giudizio, che il termine di prescrizione decennale (già affermato da diverse sentenze emesse nel corso del 2009 e del 2010), è da ritenere decorrente dall’entrata in vigore (27 ottobre 1999), della legge n. 370/99, che stabiliva il diritto alla remunerazione in favore di quei medici destinatari all’epoca di alcune sentenze favorevoli emesse dal TAR Lazio, a metà anni 90. I giudici hanno anche stabilito l’entità del risarcimento nella misura di 21,5 milioni di vecchie lire per ogni anno di specializzazione, ossia circa 40mila euro per 4 anni oltre interessi.

Nello specifico, la sentenza ha affermato espressamente che la prescrizione in materia di mancata remunerazione dei medici specializzati, si compie, in assenza di appositi atti interruttivi, il 27 ottobre 2009. Quindi tutti i medici specializzati della Campania che hanno promosso cause o hanno inoltrato – seguendo le indicazioni del CODACONS – una raccomandata per interrompere la prescrizione prima di tale data, hanno diritto, in base a tale sentenza, a vedersi riconosciuto il diritto alla remunerazione per gli anni di frequenza alle scuole di specializzazione.

L’associazione intanto organizza nuove azioni collettive a tutela dei medici specializzati della Campania, che per saperne di più potranno visitare il sito dell’associazione www.codacons.it , dove troveranno un apposito spazio ad essi riservato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©