Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

COLOUR ONE for MINI by Scholten & Baijings


COLOUR ONE for MINI by Scholten & Baijings
20/04/2012, 10:04

Monaco/Milano. In occasione del Salone del Mobile 2012, MINI presenta l’installazione COLOUR ONE for MINI by Scholten & Baijings. Questo lavoro, realizzato dal famoso duo di designer olandesi di fama internazionale reinterpreta il design di una MINI One esplorandone la struttura fino al più piccolo dettaglio e, sezionando in questo modo lo stesso processo di design.

Il risultato è rappresentato da una nuova affascinante interpretazione che attinge agli strumenti stilistici familiari di Scholten & Baijings – colore e materiale – per esplorare le regole del design automobilistico e per dar loro nuova luce. COLOUR ONE for MINI by Scholten & Baijings sarà visitabile fino al 28 aprile 2012, nell’ambito di INTERNI Legacy, presso l’Università degli Studi di Milano.

Il percorso rappresenta l’obiettivo: la ridefinizione del design automobilistico

Affascinati dal principio dei concept automobilistici, Stefan Scholten e Carole Baijings si sono messi a decostruire la MINI One. Come modello base della MINI, la MINI One incarna in maniera coerente e riconoscibile tutti gli attributi caratterizzanti del marchio e quindi rappresenta il veicolo ideale per esaminare le questioni fondamentali che riguardano ogni aspetto del suo design.

Scholten & Baijings hanno “pelato” la MINI One come se fosse una cipolla, strato per strato, mentre analizzavano le sue singole componenti. Applicando il loro approccio estremamente sofisticato, i designer hanno messo virtualmente in questione ogni aspetto del design, estraendo l’essenza di ogni componente, sia che questa fosse evidente nel suo interno oppure scoperta durante il processo di decostruzione. I designer olandesi hanno completato le parti smantellate con colore e struttura in maniera tipicamente Scholten & Baijings. In stretta collaborazione con il team di design MINI, ciò ha prodotto non soltanto un’interpretazione molto libera del telaio, ma ha anche dato vita alle cosiddette “Art Parts” – componenti estratte dalla vettura così come erano e che, nella loro “autonomia” risultante, danno luogo ad una prospettiva completamente nuova del design automobilistico. Le componenti comprendono, per esempio, pneumatici trasparenti in resina fusa, prodotti in collaborazione con il designer industriale e specialista sui poliesteri Vincent de Rijk, che ha già realizzato numerosi progetti per l’OMA, lo studio di architettura di Rem Koohlhaas. Nella loro forma decostruita, i sedili e le cinture di sicurezza richiamano la storia del marchio nei rally e sono stati rivestiti di tessuti sviluppati appositamente. Le portiere sono state rimosse ed esibite separatamente dalla vettura con trame dorate e tridimensionali o con finitura di porcellana opaca sviluppata insieme a MINI Design. Borse integrate nel telaio ed un parasole che diventa anche una borsetta aumentano il potenziale spettro di reinterpretazione estetica di Scholten & Baijings. Inoltre, i paesaggi presentati nelle vetrine della mostra aprono una prospettiva piuttosto particolare sulla mobilità: a seconda che si guardi verso il fondo, di lato o davanti, ci si trova ad osservare il passato, il presente o il futuro.

Nella loro presentazione, Scholten & Baijings riprendono, ancora una volta, il tema del passato sportivo di MINI: COLOUR ONE for MINI di Scholten & Baijings è allestita in un paddock da gara stilizzato. Poiché il processo di dare forma agli oggetti è l’obiettivo di questo lavoro, le presentazioni vengono corredate da vetrine che contengono esempi di colore e di materiali insieme a stimolanti oggetti, immagini e fotografie provenienti dal processo creativo che sta dietro all’allestimento.


Libertà di azione per nuove idee presso MINI Design

Già da molto tempo, il team di design MINI ha avviato un dialogo con designer esterni e con creativi. Oltre a promuovere uno scambio creativo, l’obiettivo è anche di scoprire nuovi aspetti di design che vanno oltre il design automobilistico convenzionale. “Il BMW Group ha collaborato per molti anni con creativi provenienti dai settori più diversi”, dice Anders Warming, capo del Design MINI. “In Scholten & Baijings siamo riusciti a trovare una coppia di designer conosciuta in tutto il mondo per le loro creazioni eclettiche e che lavorano all’interazione tra design e arte. La loro interpretazione, senza vincoli o convenzioni, del nostro design rappresenta un’immensa fonte di ispirazione per l’intero team di design MINI. Warming continua: “Infatti, le nuove funzioni che Stefan Scholten e Carole Baijings hanno escogitato ed il modo nel quale affrontano i materiali rendono possibile una vasta riserva di idee che ha ispirato il nostro lavoro fin dal primo giorno”.

Una ricerca sofisticata e intensa: Scholten & Baijings

“Per noi, questa collaborazione rappresenta la realizzazione di un sogno che virtualmente qualsiasi designer di prodotto apprezzerebbe”, dice Stefan Scholten, parlando del significato di questo progetto per il suo studio di design. “Essere in grado di applicare il nostro pensiero ad un prodotto così omnipresente come l’automobile rappresenta un’opportunità fantastica per il nostro lavoro. Le domande che ci siamo posti e le soluzioni che abbiamo trovato sono state una scoperta per tutti coloro che hanno collaborato. Siamo molto contenti di questa partnership esclusiva che riflette, e questo è importante, l’impegno di tutti”. Eppure COLOUR ONE for MINI di Scholten & Baijings non mira ad ispirare soltanto coloro che vi sono direttamente coinvolti: “Anche i soggetti esterni possono trarre ispirazione dalla profondità del lavoro e potrebberero anche essere incoraggiati a ripensare il loro modo di affrontare le cose”, dice Baijings parlando del potenziale stimolante dell’allestimento.

Scholten & Baijings uniscono le forme minimaliste, l’utilizzo equilibrato del colore, la tradizionale lavorazione artigianale ed i metodi di produzione industriale per creare uno stile di design esclusivo che non necessariamente porta l’etichetta “Olandese”. La scena internazionale del design segue con vivo interesse la sensibilità, i colori affascinanti e l’utilizzo discreto di materiali che i designer applicano alle loro creazioni. Sia i loro progetti indipendenti sia il loro lavoro eseguito su commissione vengono riuniti ed esibiti in tutto il mondo.


INTERNI Legacy

La mostra INTERNI Legacy, allestita dalla rinomata rivista italiana di design INTERNI, presenta MINI come uno dei principali protagonisti con l’installazione COLOUR ONE for MINI by Scholten & Baijings. Nell’ambito del Fuori Salone 2012, l’installazione sarà esposta nel Cortile del ‘700 dell’Università degli Studi di Milano. Altri designer saranno presenti alla mostra, come Patricia Urquiola per Missoni. E’ possibile ammirare l’installazione dalle ore 9:00 alle ore 24:00 dal 16 al 22 aprile 2012. Dal 23 al 28 aprile, l’orario di chiusura della mostra verrà anticipato alle 21:00 la mostra chiude alle ore 21.

Il BMW Group

Il BMW Group, con i marchi BMW, MINI, Husqvarna Motorcycles e Rolls-Royce, è uno dei costruttori di automobili e motociclette di maggior successo nel mondo. Essendo un’azienda globale, il BMW Group dispone di 25 stabilimenti di produzione dislocati in 14 paesi e di una rete di vendita diffusa in più di 140 nazioni.

Il BMW Group ha raggiunto nel 2011 volumi di vendita di 1,67 milioni di automobili e oltre 113.000 motociclette nel mondo. I profitti lordi per il 2011 sono stati di 7,38 miliardi di Euro, il fatturato è stato di 68,82 miliardi di Euro. La forza lavoro del BMW Group al 31 dicembre 2011 era di circa 100.000 associati.

Il successo del BMW Group è fondato su una visione responsabile e di lungo periodo. Per questo motivo, l’azienda ha sempre adottato una filosofia fondata sulla eco-compatibilità e sulla sostenibilità all’interno dell’intera catena di valore, includendo la responsabilità sui prodotti e un chiaro impegno nell’utilizzo responsabile delle risorse. In virtù di questo impegno, negli ultimi sette anni, il BMW Group è stato riconosciuto come leader di settore nel Dow Jones Sustainability

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©