Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Commercio: Gazebo e tavolini, rinvio dei termini al 10 gennaio


Commercio: Gazebo e tavolini, rinvio dei termini al 10 gennaio
30/10/2009, 12:10


NAPOLI - “Ci sarà tempo sino al 10 gennaio 2010 per rinnovare le autorizzazioni per l’occupazione di suolo pubblico da parte degli esercizi pubblici : il Comune ha accolto le richieste dell’Ascom e della Fipe riconoscendone l’urgenza, in seguito alle lentezze ed alle difficoltà riscontrate nel rinnovo delle autorizzazioni. Il precedente termine era fissato al 30 ottobre”. Lo afferma Tullio Nunzi, commissario confederale dell’Ascom della provincia di Napoli che aggiunge: “Abbiamo scongiurato una situazione che poteva paralizzare l’intero settore, con conseguenze disastrose per le imprese e l’immagine turistica della città. Saremmo stati l’unica grande città europea priva di spazi e ritrovi all’aperto. Abbiamo inoltre ottenuto – prosegue Nunzi - due altri importanti risultati: le concessioni rilasciate e rinnovate nel 2009 saranno valide anche per il 2010 e, a partire dal 2011, le concessioni saranno rinnovate dietro semplice dichiarazione del titolare che attesti l'assenza di variazioni rispetto all'autorizzazione in essere. Ma non siamo ancora del tutto soddisfatti – conclude Nunzi – occorre una decisa semplificazione delle regole e delle procedure per le concessioni di suolo pubblico. Come avevamo già segnalato quando entrarono in vigore le nuove norme , la paralisi attuale è stata creata da regole troppo complesse per poter essere applicate. Abbiamo richiesto all’Amministrazione la convocazione urgente di un tavolo tecnico con le rappresentanze degli imprenditori per rivedere tutto ciò che non va. Non dimentichiamo che la questione degli spazi all’aperto degli esercizi travalica gli aspetti puramente commerciali, bensì investe direttamente la vocazione turistica e la vivibilità della città. L’uso degli spazi pubblici – conclude Nunzi - allontana il degrado, rende la città più accogliente e più attraente sia per i turisti che per i cittadini”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©