Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Concluso il primo “Certamen Vergilianum Neapolitanum”


Concluso il primo “Certamen Vergilianum Neapolitanum”
11/04/2011, 10:04

Napoli, 11 aprile 2011 - Presso la Sala dell’Accoglienza di Palazzo Reale si è tenuta la cerimonia di premiazione della prima edizione del “Certamen Vergilianum Neapolitanum”, organizzato dal Liceo Ginnasio Statale “Giuseppe Garibaldi” di Napoli. Presenti le delegazioni dei licei di tutta Italia e della Germania che hanno partecipato alla gara di traduzione dal latino di un testo del celeberrimo autore dell’Eneide, dall’Umberto al Sannazaro, dal Genovesi al Vico. Rappresentati anche l’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania nella persona di Angela Orabona e la Provincia di Napoli con il presidente del Consiglio Provinciale Luigi Rispoli ed il vicepresidente della giunta Gennaro Ferrara.



Tutti i vincitori della prima edizione sono alunni di licei della Campania:

classificato Stefania d’Antonio Liceo Giannone Caserta
classificato Liberata Meccariello Liceo Lombardi Airola
classificato Paolo Riccio Liceo Vico Napoli
classificato Enzo Ruggero Liceo Lombardi Airola
classificato Francesco Bove Liceo Giannone Caserta
classificato Marco Scordo Liceo Vico Napoli


Sobria ed elegante la cornice della sala, messa a disposizione del liceo gratuitamente dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici Paesaggistici Storici Artistici ed Etnoantropologici per Napoli e Provincia. Il dirigente scolastico Laura Colantonio ha ringraziato il presidente Rispoli per la disponibilità e la collaborazione fattiva dimostrate nei riguardi del liceo Garibaldi e Rispoli ha consegnato targhe ricordo della Provincia ai rappresentanti delle scuole provenienti da fuori regione.

Il professor Giuseppe D’Alessio, promotore del Certamen, basato sullo strettissimo legame tra il poeta latino Virgilio e la città partenopea ha consegnato ai primi due classificati le medaglie offerte al Garibaldi dalla Presidenza della Repubblica quali attestazioni di merito e come espressione del consenso dato all’iniziativa stessa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©