Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Verifica del ministero l'8 agosto

Concorso per diventare professori sotto accusa. Il Miur: «Faremo chiarezza»


Concorso per diventare professori sotto accusa. Il Miur: «Faremo chiarezza»
06/08/2012, 12:58

Si sono svolti il mese scorso i test di preselezione del tirocinio formativo attivo, il così detto TFA, ai quali hanno dovuto partecipato gli aspiranti insegnanti d’Italia.

A quanto pare, però, le prove a cui sono stati sottoposti i candidati erano inesatte e piene di errori, al punto da provocare una vera e propria ecatombe.

La percentuale di successo è stata bassissima.

Dati della Uil Scuola dicono che la percentuale degli ammessi è stata circa del 30% e i risultati meno felici sembra si siano registrati per le prove di filosofia.

Sono quindi scesi in campo i sindacati e le associazioni di categoria che hanno lamentato una poca chiarezza nei test.

Morale della favola, il Ministero dell’istruzione si scusa, e promette di riesaminare tutti i test al "fine di restituire certezza e serenità alla comunità di candidati che nei giorni scorsi ha affrontato la prova preselettiva nazionale per l'accesso ai corsi di Tirocinio Formativo Attivo, nel nuovo assetto previsto dal D.M. N.249/2010 relativamente alla programmazione 2011-2012".

Ed aggiunge che "I test somministrati ai candidati sono stati elaborati da commissioni nominate dal Ministro il 5 agosto 2011 e secretati, per ovvie ragioni di sicurezza; gli uffici competenti stanno raccogliendo tutte le segnalazioni di errori nelle domande delle prove per sottoporle all'esame di una Commissione di verifica, composta da accademici e coordinata da Lucrezia Stellacci, Capo Dipartimento per l'Istruzione". Quindi entro Mercoledì 8 agosto si "deciderà in maniera definitiva sulle domande contestate, creando la nuova matrice delle risposte esatte".

Speriamo bene …

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©