Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Confapi Campania avvia MedEx, uno dei primi programmi in Italia per l'export basati sul "contratto di rete"


Confapi Campania avvia MedEx, uno dei primi programmi in Italia per l'export basati sul 'contratto di rete'
30/09/2011, 11:09

Napoli, 29 settembre 2011. La Confapi Campania, in collaborazione col Dipartimento IDEAS della Seconda Università di Napoli e l’ADI Associazione per il Disegno Industriale – Delegazione Campana, con il patrocinio dell’Ordine del Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli e la partecipazione di ANDAF CAMPANIA e della FIPA TUNISIA, presenta “MedEx”, programma per favorire gli scambi commerciali delle PMI campane con Paesi esteri.

Il Convegno di presentazione, aperto a tutti gli imprenditori interessati, si terrà lunedì 3 ottobre, alle 16, presso la Sala Parlamentino della Camera di Commercio di Napoli.

“MedEx” sarà realizzato adottando un nuovo strumento di aggregazione tra imprese: il contratto di rete. «L’aggregazione e collaborazione di piccole e medie industrie porta ad una crescita in innovazione e competitività sul mercato della singola azienda e dell’intera rete - ha spiegato Emilio Alfano, presidente Confapi Campania -. “MedEx” permetterà a piccole realtà di avere scambi con canali di distribuzione esteri con cui sarebbe difficile relazionarsi data la dimensione delle stesse. I vantaggi dell’aggregazione sono notevoli e diversi: insieme è possibile svolgere programmi comuni, acquistare sistemi, pianificare investimenti, partecipare a gare d’appalto, impegnarsi, dunque, in attività che singolarmente risulterebbero complesse».

Col contratto di rete ogni impresa si impegna a fornire collaborazione e scambio di informazioni, nonché prestazioni di natura industriale, tecnica o tecnologica. Dal punto di vista fiscale è prevista una detassazione sugli utili d’impresa reinvestiti nel fondo.

Il Programma di rete promosso dalla Confapi Campania sarà uno dei primi in Italia espressamente dedicato all’export, sui circa 200 contratti ad oggi stipulati. Nel primo periodo le attività saranno rivolte prevalentemente ai Paesi Dell’Area Mediterranea e del Medio Oriente, partendo dalla Tunisia e dall’Oman.

“MedEx” sarà sostenuto da Enti di ricerca, Associazioni imprenditoriali e di scopo, Ordini Professionali, Istituti bancari, Enti pubblici e privati e fornitori di servizi e consulenze.

La proiezione internazionale sarà sviluppata in collaborazione con operatori nazionali ed internazionali, Enti di rappresentanza, Camere di Commercio estere e qualificate imprese di servizi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©