Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Coppa America, vetrina mondiale per il made in Naples


Coppa America, vetrina mondiale per il made in Naples
05/04/2012, 11:04

I tesori della gastronomia napoletana e le eccellenze della produzione artigianale per far conoscere il meglio del made in Naples ai turisti e ai visitatori che animeranno lo spazio espositivo della Coppa America nella villa comunale durante i giorni delle regate.

Con questo obiettivo aprirà i battenti sabato prossimo, 7 aprile, l’open space realizzato dalla Camera di Commercio di Napoli nel villaggio ospitalità dell’America’s Cup. Qui sarà possibile degustare ed acquistare prodotti provenienti esclusivamente dai consorzi di tutela, a partire dalla mozzarella e fino al limoncello e al provolone del monaco. Una straordinaria vetrina mondiale anche per i maestri artigiani del corallo e del cammeo, della tradizione orafa e dei pastori, dell’intarsio e della ceramica di Capodimonte, realizzata dall’ente camerale partenopeo con la collaborazione di tutte le associazioni imprenditoriali dei settori coinvolti.

L’area food allestita dalla Camera di Commercio e aperta da sabato prossimo e fino al giorno 15 dalle 10 alle 24 vedrà protagonisti i maestri pizzaioli, selezionati dall’azienda speciale Agripromos in collaborazione con le associazioni imprenditoriali locali, che si alterneranno ai forni già montati nella villa comunale. Oltre alla margherita, sarà possibile degustare anche pastiere, babà e il meglio della pasticceria e della rosticceria napoletana.

“Siamo impegnati – afferma il presidente della Camera di Commercio di Napoli, Maurizio Maddaloni – insieme con le istituzioni regionali, provinciali e cittadine, innanzitutto a rilanciare l’immagine del capoluogo nel mondo, dopo gli anni bui dell’emergenza rifiuti. Il grande evento può essere un attrattore, ma è necessario uno sforzo supplementare da parte di tutti, per migliorare le condizioni dell’accoglienza, la qualità e la fruibilità dei servizi ai turisti e delle infrastrutture cittadine. Dobbiamo rendere - aggiunge Maddaloni – la città e anche l’area provinciale immediatamente competitive per attrarre gli investimenti. Napoli ha bisogno di grandi eventi, ma soprattutto di normalità. Solo così le imprese napoletane saranno anche ristorate per gli evidenti disagi che stanno subendo a causa delle severe restrizioni imposte dai provvedimenti sulla circolazione e che – conclude il presidente – anche grazie all’incisiva azione dell’ente camerale, non hanno perso la voglia di mettersi in discussione e di impegnarsi per il rilancio della città”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©