Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

COREMA: De Siano approva ordine del giorno sulla partecipazione regionale


COREMA: De Siano approva ordine del giorno sulla partecipazione regionale
05/07/2010, 15:07

NAPOLI – La IV Commissione consiliare permanente (Urbanistica, Lavori pubblici, Trasporti), presieduta dal Consigliere regionale del PdL, Domenico De Siano, ha approvato un Ordine del giorno sulla Compagnia Regionale Marittima (Corema) affinchè la società che sostituirà la Caremar nei trasporti marittimi con le isole del Golfo di Napoli appartenga alla Regione Campania per il 51%, ovvero per la quota maggioritaria.

L’Ordine del giorno, che impegna il Presidente della Giunta regionale e l’Assessore regionale ai trasporti, prevede, inoltre, che, per l’affidamento del restante 49%, si attivi un bando pubblico trasparente che garantisca la piena concorrenza da parte dei privati e che venga presto risolta la controversia con la Regione Lazio circa la cessione a titolo gratuito della quota societaria relativa ai trasporti nelle isole pontine (condizione propedeutica per la conclusione dell’intero procedimento di privatizzazione, che dovrà avvenire entro il 30 settembre prossimo, come stabilito dalla Comunità Europea, nell’ambito di una procedura di infrazione comunitaria).

Il provvedimento, proposto e promosso dal Presidente De Siano, ha raccolto il consenso e la condivisione degli Amministratori dei Comuni delle isole di Ischia, Capri e Procida, dei rappresentanti delle numerose Associazioni di albergatori, commercianti, consumatori e utenti del trasporto pubblico e dei sindacati, che sono intervenuti, stamani, alla riunione del tavolo tecnico su Corema convocata dal presidente della IV Commissione. All’incontro hanno preso parte il segretario della IV Commissione, Mario Casillo (Pd), e i Consiglieri Pietro Diodato, presidente della III Commissione, Ugo De Flaviis, capogruppo dei Popolari Udeur, Mafalda Amente (PdL), Angelo Marino (MpA-Caldoro Presidente).

“Dare slancio alla Compagnia Regionale Marittima e al complessivo sistema dei trasporti marittimi con le isole del Golfo deve essere una priorità per il governo regionale” – ha sottolineato De Siano. “La nascita di Corema – ha aggiunto - deve essere inquadrata, da una parte, nell’ottica sociale di tutela del diritto alla mobilità di isolani e turisti a tariffe economicamente sostenibili, per le quali la nuova Caremar deve svolgere funzione di calmiere dei prezzi, e, dall’altra, nell’ottica del rilancio dello sviluppo dell’economia delle isole, basata prevalentemente sul turismo e, dunque, sui trasporti”.

Sintetizzando le proposte emerse dal tavolo tecnico, De Siano ha sottolineato che “se verrà garantita la centralità delle scelte strategiche in capo alla Regione, Corema, nell’ambito del migliore rapporto pubblico-privato, potrà essere una leva di sviluppo fondamentale per le isole e per l’intero territorio campano”. 

“La Regione Campania deve essere socio di maggioranza della Compagnia Regionale Marittima per garantirne la funzione sociale e programmarne lo sviluppo nell’ottica del rilancio del territorio”.

E’ quanto afferma il consigliere regionale del MpA, Angelo Marino, che, stamani, ha preso parte alla riunione del tavolo tecnico presso la IV commissione regionale.

“Corema deve rilanciare il trasporto marittimo regionale affermando la funzione pubblica di Caremar, come calmiere dei prezzi dei titoli di viaggio, e, nello stesso tempo, garantire maggiore efficienza nell’ambito di un più concorrenziale rapporto con i privati” – sottolinea Marino –, secondo il quale “questa è la ratio che deve guidare le scelte della Giunta regionale nell’affidarne la partecipazione maggioritaria alla Regione Campania”.

Per l’esponente del MpA, inoltre, “nel processo di privatizzazione occorre attivare un tavolo di confronto con i sindacati per discutere esclusivamente delle questioni del personale che va garantito sotto tutti i punti di vista”.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©