Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

I due mestieri preferiti secondo uno studio del CENISPES

Da grande voglio fare l’avvocato o il comunicatore


Da grande voglio fare l’avvocato o il comunicatore
28/07/2009, 12:07

I genitori li vorrebbero ingegneri o architetti, ma i neolaureati non ne vogliono sapere e sognano il palcoscenico del tribunale o dei media. É quanto emerge da uno studio elaborato dal CENISPES - Centro Italiano di Studi Politici Economici e Sociali per conto dell’università online Unisu che ha registrato un incremento del 6% degli aspiranti giuristi e un +4% di futuri comunicatori, rispetto all’anno precedente.
Il mestiere dell’avvocato risulta il più ambito, con il 28% di preferenze. Sono soprattutto le donne a desiderare una carriera in stile “Ally McBeal”, rappresentando il 63% di coloro che vogliono un futuro in campo giuridico.
Un altro settore molto affascinante, a detta degli universitari, è quello della comunicazione e della pubblicità. Ben il 25% dei giovani sogna di diventare giornalista, pubblicitario o addetto alla comunicazione aziendale, con una leggera prevalenza da parte degli uomini (52% del campione).
Ancora molto ambite risultano poi le professioni di medico o infermiere (18%) e insegnante (15%). In leggero calo, invece, l’appeal dell’attività di grafico e designer che, anche se viene scelta dall’11% degli intervistati, quest’anno ha registrato un leggero calo (-2%). In netta diminuzione anche coloro che aspirano a diventare guida turistica o agente di viaggio (11%; -5% rispetto al 2008).
I desideri e i sogni dei giovani però non rispecchiano sempre le aspettative dei genitori. Ben il 38% degli studenti dichiara che la propria famiglia vorrebbe che essi puntassero ad una professione diversa da quella realmente ambita.
Secondo quest'indagine promossa dall’università online Unisu, ben il 22% dei ragazzi è consapevole del fatto che i genitori li preferirebbero ingegneri oppure architetti (18% dei casi). Il 14%, invece, dichiara che la propria famiglia vorrebbe un figlio medico.
Tuttavia, solo il 7% ritiene che il dissenso dei propri genitori nelle scelte professionali possa portare a rinunciare alle ambizioni lavorative. I meno determinati sono gli uomini, che rappresentano il 68% di coloro che tenterebbero un’altra strada rispetto a quella dettata dall’aspirazione personale.
“Spesso i genitori desiderano per i propri figli un percorso professionale più sicuro e definito e questo può generare dei conflitti nella scelta della facoltà universitaria. Nella maggior parte dei casi i ragazzi seguono comunque le proprie aspirazioni, a meno che queste non siano difficilmente compatibili con la situazione dell’attuale mercato del lavoro” ha commentato Stefano Bandecchi, amministratore delegato dell’Unisu, università fornitrice di corsi online.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©