Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Da Maddaloni un progetto per i ragazzi di Terra di Lavoro. Quando l’Arte diventa centro di aggregazione e momento di riflessione


Da Maddaloni un progetto per i ragazzi di Terra di Lavoro. Quando l’Arte diventa centro di aggregazione e momento di riflessione
18/02/2009, 17:02

Creare una cultura della solidarietà sociale e promuovere modelli comunicativi innovativi attraverso forme di partecipazione, sperimentazione e ricerca di linguaggi diversificati.
E’ l’obiettivo del progetto “ SNC:libero pensiero”, voluto dalla Fondazione Giuseppe Ferraro onlus di Maddaloni e rivolto ai giovani del territorio.
Un piano, co-finanziato dalla provincia di Caserta e della durata di 3 mesi, in cui in vari modi di fare arte si pongono non solo come polo di attrazione e svago, ma soprattutto come luogo d’incontro tra i  giovani e il mondo della ricerca espressiva, capace di stimolare nei fruitori atteggiamenti di accoglienza e di socializzazione.
Una volta al mese- spiegano gli organizzatori- i ragazzi della nostra provincia saranno ospitati nella struttura della Fondazione (presso La Casa delle Arti e della Cultura”- n via F. De Angelis, traversa di via De Carlucci- Maddaloni) per partecipare a proiezioni, mostre di fotografia, spettacoli di danza e coreografia e conferenze a seconda di quale sia la forma espressiva proposta dall’autore di turno”.
Previsti, tra gli altri, gli interventi del regista Fernando Muraca, della coreografa Antonella Lombardo, del pittore Michel Pochet, del fotografo Giuseppe Di Stefano, dell’ Etoile Liliana Cosi e del giornalista di TG Primo Piano Bianco.
Gli obiettivi di questo piano- conferma Luigi Ferrano, presidente dalla fondazione- sono quelli di favorire l'incontro, la socializzazione e l'integrazione di giovani di diversa estrazione ma anche incoraggiare gli interscambi del patrimonio artistico-culturale attraverso l’interazione diretta con chi ha “creato”l’opera. Non da ultimo, la promozione della cultura del dare e del fare positivo quale antidoto alla intolleranza interculturale e al disagio”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©