Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Da tutta Europa a Napoli per una gara tra studenti sui testi di Virgilio


Da tutta Europa a Napoli per una gara tra studenti sui testi di Virgilio
18/01/2011, 09:01

Napoli, 18 gennaio 2010 - Il liceo Garibaldi organizza il primo “certamen virgiliano”. Gli studenti visiteranno i luoghi partenopei e flegrei legati al grande poeta. Decine di studenti di materie classiche provenienti da tutta Italia e tutta Europa saranno a Napoli ad inizio aprile per partecipare al primo “Certamen Vergilianum Neapolitanum”, una gara di traduzione dal latino unica nel suo genere, bandita per l’a.s. 2010/2011, dal Liceo Ginnasio Statale “Giuseppe Garibaldi” di Napoli, a partire dal prossimo 8 aprile, per celebrare la grandezza del poeta Virgilio, legatissimo alla “Parthenope” greco - latina.

Il programma delle attività prevede una serie di lezioni, relative a un Seminario propedeutico per i ragazzi delle scuole napoletane tenute dai professori dell’Università degli Studi di Napoli - L’Orientale, Roselli, D’Acunto e Palmisciano, su temi quali “Cuma, Archeologia, storia e mito” (con visita guidata all’Antro della Sibilla), “lo scudo di Enea”, “Virgilio nel medioevo”, “Oggetti fatali nell’Eneide”.

Durante i giorni del “certamen” i gruppi provenienti da tutta Europa potranno seguire le conferenze dei professori Giovanni Polara (Università degli studi di Napoli “Federico II”) ed Edoardo D’Angelo (Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa) ed effettuare visite guidate ai luoghi virgiliani di Napoli e della provincia: dal Museo Archeologico Nazionale al Parco della tomba di Virgilio sulla collina di Posillipo ma anche al Lago D’Averno, al sito archeologico di Baia-Bacoli e di Cuma. Un’occasione in più, insomma, per fare conoscere meglio il capoluogo partenopeo a tanti giovani provenienti dalla regione e non solo.

La conferenza conclusiva della manifestazione si terrà il 10 aprile con un intervento conclusivo del Presidente della Commissione giudicatrice del Certamen, prof. Arturo De Vivo dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Seguirà la premiazione dei partecipanti. A fare gli onori di casa saranno la Dirigente Scolastica Laura Colantonio, la vicepreside Iolanda Manco e il docente responsabile dell’intera iniziativa Giusepe D’Alessio. Tra gli Enti che supportano il progetto, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l’Ufficio Scolastico Regionale della Campania, la Regione, la Provincia, le Soprintendenze ai beni architettonici e culturali di Napoli e di Pompei, le Università Federico II, Orientale, Suor Orsola Benincasa.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©