Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Disagio scolastico e devianza minorile, progetto delle scuole per 4000 ragazzi


Disagio scolastico e devianza minorile, progetto delle scuole per 4000 ragazzi
14/04/2009, 10:04

La rete di scuole “Insieme siamo un valore”, operante da anni sul territorio di Cicciano, ha messo insieme le risorse delle istituzioni scolastiche cittadine per realizzare un poderoso intervento educativo finanziato con un rilevante contributo ministeriale. Il progetto cittadinanza Attiv@Mente  prevede un’articolata serie di attività da svolgersi nei prossimi tre mesi in tutte le scuole cittadine. Dalla prossima settimana, i giovani di Cicciano, a partire da quelli di soli tre anni di età e fino agli studenti delle scuole superiori, potranno realizzare interessanti percorsi di arricchimento personale e culturale, con l’aiuto dei loro insegnanti, nelle ore pomeridiane non impegnate da attività scolastiche. Si spazia dal teatro alla musica, all’inglese, alla riscoperta degli antichi giochi, alle esperienze intergenerazionali ed alle attività manipolative, grafiche e pittoriche non senza dare risalto all’educazione alla cittadinanza ed alle attività dei campi estivi che, in particolare, saranno svolti nelle scuole primarie e nella scuola secondaria di primo grado. Oltre alle attività di arricchimento, saranno realizzate anche attività di supporto e recupero per gli alunni con qualche difficoltà di apprendimento nelle discipline di base come quelle del gruppo linguistico e quelle del gruppo logico matematico-scientifico. La particolarità della rete di scuole è che coinvolge tutte le istituzioni scolastiche di Cicciano mostrando che è possibile la collaborazione costruttiva anche tra gradi scolastici differenti. Accanto al I Circolo e II Circolo, infatti, sono presenti sia la scuola media che il Liceo Scientifico “Enrico Medi” e l’Istituto Alberghiero “Carmine Russo”. Una rete di scuole che comprende circa 4000 alunni, almeno 500 lavoratori della scuola tra docenti amministrativi, tecnici  ed ausiliari. La rete di scuole, al secondo anno di attività, è coordinata dal direttore scolastico del I Circolo Domenico Ciccone che ha sottolineato il coinvolgimento di tutte le realtà socio-culturali di Cicciano sia nella fase di progettazione che in quella di realizzazione del progetto. Il Comune di Cicciano, la Pro-loco, l’Unitre, La Clessidra, l’Associazione Italian Hospitality, l’Associazioni genitori (Age), tutti insieme alle scuole per svolgere una serie di attività utili al contrasto del disagio e della devianza giovanile attivando, come dice il titolo, la mente dei giovani  e sollecitando il loro senso di appartenenza e la loro cittadinanza attiva. Il sindaco Giuseppe Caccavale, che partecipa alla rete con il Comune di Cicciano, nella duplice veste di primo cittadino e di docente dell’Ipsar “Russo”, ha espresso la propria soddisfazione dicendosi certo che le attività costituiranno un importante stimolo ed una rilevante occasione di crescita e sviluppo dei giovani cittadini di Cicciano. Commento positivo anche dall’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Cicciano Aniello Capolongo: “E’ con questi progetti mirati che si può prevenire, educare e seguire i nostri giovani in ogni momento della loro giornata e in ogni aspetto della loro vita nella società”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©