Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Impietosi i dati Istat

Disoccupazione record: 690mila giovani senza lavoro


Disoccupazione record: 690mila giovani senza lavoro
28/02/2014, 11:18

ROMA – I dati Istat sono impietosi. Il tasso di disoccupazione a gennaio è balzato al 12,9%, e preoccupa perché è in rialzo di 0,2 punti percentuali rispetto dicembre e addirittura di 1,1 su base annua. Si tratta del tasso più alto sia dall'inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, primo trimestre 1977.

DISOCCUPAZIONE RECORD. Il risultato sono i 3,3 milioni di disoccupati, di cui ben 690mila giovani. Un record negativo da non sottovalutare: il tasso di disoccupazione dei 15-24enni tocca quota 42,4%. Nel 2013 gli occupati sono diminuiti di 478 mila (-2,1%) rispetto al 2012, ovvero di quasi mezzo milione. Lo rileva l'Istat, spiegando che si tratta dell'anno peggiore dell'inizio della crisi. Nell'anno il tasso medio di disoccupazione è arrivato al 12,2%. Era al 10,7% l'anno precedente. Tra il 2008 e il 2013, gli anni della crisi, si contano 984 mila occupati in meno, ovvero quasi un milione. Lo rileva l'Istat diffondendo i dati sulla media annua. I disoccupati in Italia nella media 2013 hanno dunque raggiunto quota 3,1 milioni con un aumento del 13,4% rispetto al 2012. L'Istat sottolinea che quasi la metà dei disoccupati risiede nel Mezzogiorno (un milione 450 mila).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©