Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Diste Consulting: presentati i risultati degli studi sugli esercizi commerciali in Sicilia


Diste Consulting: presentati i risultati degli studi sugli esercizi commerciali in Sicilia
24/05/2011, 17:05

Sono 55.043 i piccoli esercizi commerciali presenti in Sicilia, tra alimentari, non alimentari e misti. Le strutture di medie dimensioni sono invece 2.811 con una superficie di vendita complessiva di 1.142.639 mq, le grandi strutture di vendita sono 195 con una superficie di vendita di 384.244 mq e infine i centri commerciali presenti nell'Isola sono in tutto 39 con una superficie di vendita pari a 209.875 mq.

Per la prima volta nella sua storia la Regione siciliana ha un censimento ufficiale degli esercizi commerciali che operano nelle 9 province dell'Isola che è stato realizzato dal Diste Consulting su input dell'assessorato regionale all'Industria. La raccolta dati, effettuata provincia per provincia attraverso dei questionari, offre finalmente uno strumento concreto (i dati) su cui basarsi per lo studio di politiche di settore. La ricerca del Diste non si è fermata alla raccolta di dati sulle sole attività commerciali ma è stata allargata anche alle realtà commerciali non stanziali (i cosiddetti mercatini). Nello specifico in Sicilia sono in tutto 1940, tra alimentare, non alimentare e misto, le aree pubbliche destinate alla vendita in tutti i giorni della settimana, 14.423 quelle usate solo in uno o più giorni della settimana e 15.621 sono invece le attività itineranti. Sono stati inoltre censiti anche gli esercizi commerciali per la somministrazione di cibi e bevande che ammontano complessivamente, in tutta la Sicilia, a 12.830 così suddivisi: 4745 tra, pizzerie, trattorie, ristoranti, tavola calda e birrerie; 7.004 tra bar, caffè, gelaterie e pasticcerie; 882 tra sale da ballo, sale da gioco, locali notturni e stabilimenti balneari; 199 tra bar, gelaterie e pasticcerie dove non si vendono però alcolici.

Tutti questi dati, assieme ad altri relativi alle realtà provincia per provincia, sono stati presentati questo pomeriggio a Palazzo La Lomia di Canicattì (Ag), nel corso della "Prima giornata di studio e di consultazione" organizzata dal Diste Consulting, dalla Regione siciliana e dalla Camera di Commercio di Agrigento, all'interno degli eventi della VI Conferenza Regionale de "Il Commercio in Sicilia", alla presenza anche dell’Assessore alle Attività Produttive Marco Venturi della Regione Sicilia.

"Finalmente la Regione siciliana - ha commentato il presidente del Diste Consulting Alessandro La Monica, che ha realizzato lo studio - si è dotata di uno strumento che potrà rendere più semplici gli interventi legislativi in materia di Commercio nonché le azioni da intraprendere. Non si conosceva il numero esatto degli esercizi operanti nell'Isola, adesso questi dati ci sono e possono rappresentare anche una ottima base di partenza per ulteriori ricerche e per approfondimenti e nel tempo saremo in grado di paragonarli. Una amministrazione che si dota di un censimento aggiornabile annualmente per conoscere il reale andamento di un fenomeno è un fatto importante e per nulla scontato. E’ un passaggio che non va sottovalutato, considerato che fino a poco tempo fa il fatto economico non sempre trovava adeguata attenzione negli amministratori e nei programmi politici”.

“Stiamo lavorando – ha detto invece l’assessore regionale alle Attività produttive Marco Venturi - con grande attenzione alla stesura di una legge di riforma del settore del Commercio, una sorta di Testo unico che regolamenti tutte le molteplici e variegate categorie che in questo settore operano. Un testo unico che vuole ridefinire modalità, orari e tempi delle attività commerciali ma che dedica grande attenzione anche alle piccole realtà commerciali e non soltanto alla Grande distribuzione organizzata che produce lavoro a basso costo e una ricchezza procapite molto limitata. In quest’ottica la Regione punta anche al rilancio del Centri commerciali naturali perché attraverso questi si privilegiano i centri storici, nell’ambito dei quali più esercizi commerciali associandosi danno vita, appunto, a grandi centri commerciali. In Sicilia sono oltre 100 i centri commerciali naturali già autorizzati dall’assessorato regionale delle Attività Produttive. Il numero è destinato ad ampliarsi e a breve saranno pubblicati dei bandi attraverso i quali verranno messe a disposizione risorse pubbliche in favore dei centri commerciali naturali”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©