Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

DOCENTI, DOPPIO RISCHIO DI PATOLOGIE PSICHIATRICHE


DOCENTI, DOPPIO RISCHIO DI PATOLOGIE PSICHIATRICHE
21/05/2008, 20:05

 

Un quotidiano logorìo, scarsa considerazione, frustrazione per la mancata realizzazione delle proprie aspettative. Sono i motivi che portano un docente ad avere un rischio di patologia psichiatrica doppio rispetto a quello presente negli altri dipendenti pubblici.

Emerge dalla ricerca “Il disagio mentale professionale negli insegnanti: dalla gestione alla prevenzione”, presentata oggi a Roma dall’Anp (Associazione nazionale presidi), che analizza il comportamento e la percezione da parte dei dirigenti scolastici di fronte al disagio mentale professionale del corpo docente.

L’indagine è stata svolta su un campione di 1.412 soggetti (1.124 dirigenti scolastici e 288 collaboratori): il 61% dei dirigenti scolastici con oltre 10 anni di servizio ha affrontato direttamente casi di disagio mentale professionale nel corso della propria carriera. Al 17% di presidi è rimasto il dubbio di essersi trovati di fronte a docenti con disturbi patologici. Solo il 12% del campione non ha mai incontrato, né sentito parlare, di insegnanti con problemi psichici. E ancora, meno di un dirigente scolastico su 4 (24%) sarebbe a conoscenza dei rischi di salute di origine professionale negli insegnanti. La gran parte si limita a riconoscere un malessere rifiutando di pensare che questo malessere possa evolvere in patologia psichiatrica.

Meno dell'1% del campione, infatti, risponde correttamente a tutte le domande.

Cosa fare dunque? I presidi chiedono una formazione e un supporto specialistico nell’affrontare la materia. Per quanto riguarda la valutazione sul sostegno esterno delle istituzioni preposte, come ad esempio l’Ufficio scolastico provinciale o regionale, i presidi si sentono quasi del tutto abbandonati.

Secondo Valentina Aprea, sottosegretario all’Istruzione del governo Berlusconi, l’unica soluzione è ridare alla scuola la sua valenza educativa, restituendo autorevolezza ai docenti.

 

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©