Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Al via seminari per sensibilizzare sulle Pari Opportunità

Donne, necessaria più sicurezza sul posto di lavoro


.

Donne, necessaria più sicurezza sul posto di lavoro
09/04/2010, 16:04

NAPOLI - Mobbing, burn out, molestie sessuali: le donne sul lavoro sono spesso oggetto di una vera e propria discriminazione. Per venire incontro alle loro esigenze e per favorire un’effettiva parità lavorativa, la Provincia di Napoli, in collaborazione con l’Assessorato al Lavoro e alle Pari Opportunità, ha dato vita ad una serie di incontri seminariali. Quattro appuntamenti, a partire dal 12 aprile e fino al 24 maggio, che coinvolgeranno gli addetti ai lavori e gli ispettori nella sede della Direzione Provinciale del Lavoro di Napoli. 
L’iniziativa è stata promossa in modo particolare dalla Consigliera di Parità della Provincia Luisa Festa, che ha sottolineato quanto sia necessario porre l’attenzione sulle differenze di genere tra uomo e donna, e quanto queste ultime debbano essere favorite nel proprio ruolo di lavoratrici e di madri. “La recente normativa in materia ha previsto un inasprimento delle sanzioni per quei datori di lavoro che non rispettano le disposizioni di legge” – ha spiegato la Consigliera – “Noi, come Provincia, promuoviamo la coerenza nella programmazione delle politiche di sviluppo territoriale in materia di pari opportunità”. 
Tra i tanti obbiettivi della proposta, c’è anche quello di far conoscere il Piano Triennale di Azioni Positive messo in atto dalle Pubbliche Amministrazioni per contrastare il fenomeno della disparità lavorativa. Un modo per monitorare la reale situazione occupazionale delle donne e porre un freno alle situazioni di squilibrio. “Secondo le prime stime a nostra disposizione le donne sono impiegate soprattutto nel settore del terziario” – ha aggiunto l’Assessore Provinciale al Lavoro Maria Lucia Galdieri – “e ciò implica problematiche di ogni tipo: perfino lo stare in piedi tante ore all’interno di un negozio è un fattore da considerare”.
Oltre ai seminari, da oggi partirà inoltre una campagna pubblicitaria dal titolo “Sicuramente Noi”, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema. Attraverso i media i cittadini potranno conoscere alcuni problemi, come ad esempio il mobbing (comportamento persecutorio del superiore) ed il burn out (dall’inglese “bruciato”, è una sindrome che comporta esaurimento emozionale e riduzione delle capacità professionali) e potranno finalmente capire, come hanno più volte evidenziato le presenti, “quanto ancora, in Italia, siamo lontani da un vera parità di diritti”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©