Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Le contraddizioni di un’azienda in recessione

Eav spenderà 38mila euro per il logo del biglietto


.

Eav spenderà 38mila euro per il logo del biglietto
23/05/2013, 12:55

NAPOLI – Se non fosse che ci troviamo di fronte alla holding  del trasporto pubblico regionale in profonda crisi economica e con i lavoratori senza stipendio e costretti alla fame, non riusciremmo a capire il senso surreale di una circostanza come quella dell’affidamento senza nessuna gara dell’incarico di creare il logo che dovrà essere impresso sui biglietti aziendali a tariffa unica. L’importo della commissione: 38mila euro, alla faccia della crisi e dei lavoratori che a casa non possono più portare il pane. Gli spiccioletti in cassa Eav se li è aggiudicati un’azienda inglese la Portwell System ltd con sede a Dragoni in provincia di Caserta dove è gestita da Renzo Ambroselli, volto noto della grafica pubblicitaria ma con trascorsi giudiziari di rilevo come il rinvio a giudizio per frode in pubbliche forniture del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Proprio su questo punto che attende la sentenza di primo grado, l’imprenditore romano d’origine, si è detto fiducioso nella magistratura perché estraneo agli addebiti. Ma ovviamente dopo aver creato il logo ed il bigletto il prodotto va stampato; e qui parte l’altra succulenta torta aziendale del valore di oltre 150mila euro per la stampa di 7milioni e mezzo di talgiandi. Per questa ulteriore trance di fornitura oltre alla Portwell già citata compare anche Mecstar,  fornitore storico dei biglietti di Unico Campania. Intanto le sigle sindacali avvertono che anche per il mese di maggio ci saranno ritardi nei pagamenti dei dipendenti, ciò significa proteste e disagi per l’utenza. L’importante oggi è assicurare il logo al nuovo biglietto che, forse, non comprerà nessuno.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©