Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Eavbus, adesso indaga la Corte dei Conti


.

Eavbus, adesso indaga la Corte dei Conti
20/11/2012, 14:48

La Corte dei Conti apre un fascicolo sul caso Eav Bus. Troppo alti gli stipendi dei manager della società di trasporti.

La denuncia è partita dalla segretaria della Cisl, Lina Lucci, che in una lettera al procuratore regionale campano della Corte dei Conti, Tommaso Cottone, e al presidente, Luigi Giampaolino, chiede alla magistratura contabile di intervenire.

“Devono spiegarci – ha dichiarato la Lucci – come sia possibile che a distanza di due anni dall’insediamento di una nuova giunta non sia stato presentato alcun piano e che il settore continui a maturare un altissimo livello di indebitamento”.

Quello dell’Eav è un capitolo ancora aperto. Nella holding ci sono 27 manager che guadagnano complessivamente 3 milioni e mezzo l’anno. Troppi secondo i sindacati e secondo i dipendenti che, nei giorni scorsi, hanno distribuito degli stampati dove spicca la lista con i nomi dei dirigenti e le loro retribuzioni.

Stipendi che, in molti casi, superano i 180mila euro l’anno. Paradossale se si pensa che in questi ultimi due anni la partecipata non ha pagato i contributi ai dipendenti accumulando 127 milioni di debiti e che le buste paga dei lavoratori hanno subìto numerose decurtazioni.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©