Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Elezioni all’Ordine degli Ingegneri a Napoli

Capodanno: "Indispensabile un rinnovamento per il rilancio"

Elezioni all’Ordine degli Ingegneri a Napoli
05/09/2013, 16:24

NAPOLI - La tornata elettorale, che inizia sabato prossimo, 7 settembre, e che proseguirà fino al 30 dello stesso mese in terza votazione, laddove non si dovesse raggiungere il quorum nella prima e nella seconda votazione, vede tra i candidati alla carica di consigliere dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione del Vomero, il quale nell’occasione auspica un massivo quanto indispensabile rinnovamento del Consiglio dell’Ordine.
“Ho deciso questa candidatura al fine di dare un contributo, sulla base dell’esperienza pregressa, anche quale pubblico amministratore e quale docente, a risollevare le sorti di una categoria, quella degli ingegneri, che, in particolare nel capoluogo partenopeo, vive, da alcuni anni a questa parte, in forte sofferenza - afferma Capodanno -. Auspico innanzitutto che i colleghi si rechino presso le urne a votare esprimendo liberamente il loro consenso, senza lasciarsi condizionare dai soliti programmi che, come testimoniano le esperienze pregresse, rimangono poi sulla carta senza tradursi in fatti concreti “.
“E’ altresì auspicabile – puntualizza Capodanno - che in analogia a quanto avviene in altre competizioni, si eviti di fare propaganda, pure attraverso i consueti mezzi di comunicazione, nel corso delle votazioni, rispettando il silenzio elettorale dalla mezzanotte del giorno antecedente all’inizio delle votazioni. Vigileremo sul corretto svolgimento della tornata elettorale, segnalando immediatamente agli organi di controllo eventuali situazioni che si dovessero verificare in difformità delle vigenti disposizioni normative “.
“Laddove risultassi eletto – conclude Capodanno – porrò la mia candidatura anche alla presidenza del Consiglio dell’Ordine, carica da troppi anni ricoperta sempre dalla stessa persona “.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©