Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Elezioni Ordine Ingegneri Napoli: violata la par condicio


Elezioni Ordine Ingegneri Napoli: violata la par condicio
10/10/2009, 12:10

Gennaro Capodanno, dopo aver inviato un esposto-ricorso al Ministero di Grazia e Giustizia e all’Ordine nazionale degli ingegneri per segnalare le violazioni della par condicio che si sarebbero verificate in questi giorni, in occasione delle elezioni in corso per il rinnovo del consiglio dell’ordine degli ingegneri di Napoli, annuncia di ritirare la propria candidatura non recandosi neppure al seggio per votare, in attesa di conoscere le decisioni degli organi competenti ai quali ha chiesto, tra l’altro, dopo le verifiche del caso, di annullare le elezioni in atto.

“ Tutto nasce da una lettera, recapitata in questi giorni, nella quale si fa riferimento ad un’unica lista di 15 candidati, tanti quanti sono i consiglieri da eleggere, laddove invece i colleghi che hanno offerto la loro candidatura, me compreso, sono ben 36, 33 dei quali per la sezione A ed i restanti 3 per la sezione B – precisa Capodanno -. All’interno della busta, inviata con spedizione postatarget convenzionata al mio indirizzo privato, stampigliato sul fronte, la qual cosa consentirà di risalire facilmente alla ditta che l’ha spedita e, quindi, al committente, vi era del materiale elettorale con il fac simile della scheda con i 15 nominativi stampati “.

“ Il messaggio che ne sortisce, per gli elettori è che i candidati sono 15 raccolti in una lista che, peraltro, non è prevista dalle vigenti disposizioni per le elezioni, contenute nel DPR n. 169/2005 – prosegue Capodanno -. Sono evidenti le violazioni sia del silenzio elettorale, visto che la prima votazione, andata poi deserta insieme alla seconda, è iniziata il 19 settembre scorso, mentre la terza è in corso dal 1° ottobre e proseguirà fino al 12 del mese in corso, sia, cosa ancor più grave, della par condicio, visto che nella lettera vengono citati solo 15 nominativi rispetto ai 36 candidati in lizza “.

“ A riprova il dato che gli eletti, a mio avviso, saranno proprio i 15 candidati indicati nella lista succitata, tra i quali i consiglieri uscenti che hanno deciso di ripresentarsi – prosegue Capodanno -. A supporto anche il fatto che l’unica iniziativa per pubblicizzare tutte le candidature nei confronti degli iscritti, a parte l’elenco presente sul sito internet dell’ordine, è stata assunta, a mezzo mail, in data 7 ottobre e quindi a pochi giorni dalla chiusura dei seggi, dopo che avevo annunciato la decisione di presentare ricorso per i fatti suesposti “ .

“ Attendo con fiducia – conclude Capodanno - le decisioni degli organi preposti, riservandomi eventuali ulteriori iniziative all’esito “.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©