Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Esercito, Study period sul “Computer System Information (CIS)”


Esercito, Study period sul “Computer System Information (CIS)”
22/03/2011, 12:03

San Giorgio a Cremano (NA) 22 marzo 2011 – Dal 22 al 23 marzo si svolgerà, presso la caserma “Cavalleri” di San Giorgio a Cremano, Napoli, uno “study period” di approfondimento relativo ai “tools” informatici per assicurare al Comandante della Forza una “picture” (fotografia/immagine) operativa comune in chiave “Joint” (interforze). Lo study period verterà sull’analisi delle Functional Area Service (FAS) utilizzate in ambito NATO ed in parte anche in ambito europeo e nazionale. Contestualmente, sarà condotta una attività statico dinamica volta ad approfondire la conoscenza dei principali applicativi ed a verificarne, attraverso la realizzazione di una rete informatica, a cura del 232° reggimento trasmissioni di Avellino, reparto affiliato alla Divisione, alcune possibili “interoperabilità” . Lo study period, organizzato dal Comando della Divisione “Acqui”, si svilupperà con la preziosa collaborazione dello Stato Maggiore Difesa-Reparto Informazioni e Sicurezza, dello Stato Maggiore dell’Aeronautica, dello Stato Maggiore della Marina, del Joint Forge Headquarter di Roma, del Comando Nato Joint Force Command di Napoli, del Comando Nato di Reazione Rapida di Solbiate Olona (VA), del Comando 1° Forze Operative della Difesa di Vittorio Veneto (TV), 2° Forze Operative della Difesa di San Giorgio a Cremano (NA), dal Comando Truppe Alpine di Bolzano e dal Comando Trasmissioni e Informazioni dell’Esercito di Anzio. Lo study period è un’importante attività che consentirà di approfondire la conoscenza dei principali applicativi e piattaforme web (functional service applications) che concorrono a garantire al Comandante della Forza (Force Commander) un’adeguata “fotografia”, in tempo reale, dello scenario dove il comando potrà essere impiegato, cioè della “Common Situation Awareness e Understanding”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©