Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Numeri inferiori rispetto a 10 anni fa

Fallimenti in calo, Lepore sospetta illeciti


.

Fallimenti in calo, Lepore sospetta illeciti
27/04/2011, 14:04

NAPOLI - Duecentosettantanove. Tante sono le aziende che hanno dichiarato fallimento a Napoli nel 2010. Molte, e tuttavia in numero nettamente inferiore rispetto alle mille di dieci anni fa. Dati in calo che evidenziano il tentativo delle imprese di trovare nuove forme di economia interna, spesso illecite. Un fattore di rischio, insomma, secondo il procuratore capo della Repubblica di Napoli Giandomenico Lepore, che è intervenuto nel corso di un forum sull’argomento al Palazzo di Giustizia.
Concorde anche il numero uno dell’osservatorio crisi d’impresa Domenico Posca, per il quale le procedure per capacità di recupero del credito sono inefficaci. “Sono cifre che evidenziano lo scarso ricorso alle procedure fallimentari” – ha detto –“che spesso si dimostrano inefficaci per recuperare i crediti”.
La soluzione? Per Posca si può riuscire utilizzando professionisti nella redazione dei bilanci, inquirenti nell’applicazione delle sanzioni penali, banche nella valutazione del merito creditizio delle aziende.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©