Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Federalismo Fiscale, Rughetti (ANCI): "formazione IFEL momento importante per enti locali"


Federalismo Fiscale, Rughetti (ANCI): 'formazione IFEL momento importante per enti locali'
14/04/2011, 12:04

Presentazione dei dati della Formazione IFEL 2010 per i Comuni e programmazione attività del 2011. Sarà presentato oggi, nell’ambito dei lavori de “La formazione ai formatori del sistema della finanza locale – metodologie e contenuti della programmazione IFEL 2011” il Rapporto annuale della fondazione sulla “Formazione per la finanza locale”, report curato per IFEL da Cittalia delle attività svolte nel 2010 dall’Istituto e programmazione e pianificazione dei corsi di formazione sul territorio nazionale. L’appuntamento annuale della Fondazione con i propri formatori funge da momento inaugurale della stagione di appuntamenti in tutte le regioni italiane, formazione che si protrae fino all’autunno inoltrato.

“L’erogazione di attività formative caratterizza fortemente la missione istituzionale di IFEL quale tecnostruttura di riferimento per il sistema dei comuni nelle materie economico-finanziarie, fiscali e di bilancio” è quanto afferma il Segretario Generale dell’Anci Angelo Rughetti nonché Presidente del Consiglio direttivo di IFEL nell’introduzione del volume. “I risultati conseguiti nell’ultimo triennio testimoniano di un costante impegno volto al miglioramento del servizio - prosegue Rughetti - In particolare, l’attività di formazione della Fondazione è stata indirizzata a migliorare la programmazione e progettazione degli interventi, incrementare il numero di giornate realizzate e il numero dei partecipanti, individuare i target di riferimento, coinvolgere il maggior numero di comuni”.

Importanti i risultati conseguiti dalla Fondazione nel settore della formazione. Scrive infatti Rughetti che “in tre anni, dal 2008 al 2010, si è passati dalle 116 giornate del 2008 a circa 200 del 2010, con un incremento del 74%; il numero delle presenze è passato dalle oltre 5.500 del 2008 alle 7.000 circa del 2010, con un incremento del 17%. Nel 2010 i comuni “intercettati” dalla formazione IFEL sono stati il 25% circa del totale, distribuiti in tutte le regioni italiane, comprese quelle a statuto speciale. Per una diffusione più capillare delle iniziative sono state attivate nove partnership istituzionali contro le cinque del 2008. I soggetti attuatori sono stati individuati tra quelli indicati dal DM istitutivo di IFEL e tra le pubbliche amministrazioni particolarmente qualificate nel campo della formazione in materia di tributi (Scuola Superiore dell’Economia e delle Finanze)”.

Importante anche nel 2010 l’attività svolta “sul tema della partecipazione dei comuni all’attività di accertamento delle imposte erariali - chiarisce il Segretario Generale dell’Anci - un’intensa e proficua collaborazione con l’Agenzia delle Entrate che ha permesso di realizzare iniziative formative in quasi tutte le grandi città italiane”.

Rughetti anticipa le metodologie delle sessioni formative del 2011. “Tra le novità che a breve verranno introdotte – scrive infatti - la più rilevante riguarderà l’affiancamento alla tradizionale formazione in aula di alcuni moduli sperimentali di formazione a distanza. La difficoltà di raggiungere tutti gli utenti potenziali a causa di una consistenza numerica significativa segnala una criticità del sistema. Si punterà quindi sull’innovazione tecnologica per coinvolgere il più ampio numero di addetti e per una progressiva riduzione dei costi. La formazione a distanza rappresenterà però solo un primo passo verso l’implementazione di una più ampia piattaforma per la condivisione della conoscenza attraverso la quale favorire il dialogo e l’interazione tra tutti gli attori del sistema della finanza locale e trasferire soluzioni e buone pratiche utili allo svolgimento della vita professionale”.

Altra importante anticipazione delle attività che IFEL porterà avanti nel 2011 è quella di master sperimentali. “Nel 2011 – chiarisce Rughetti - in collaborazione con istituzioni universitarie e centri di eccellenza formativa in materia di fiscalità locale, dovranno essere realizzate attività sperimentali di alta formazione (Master) finalizzate a rendere ancora più robusta la dotazione di conoscenze scientifiche degli addetti comunali alla finanza locale”.

“ANCI - chiude Rughetti - attraverso IFEL, soggetto istituzionalmente preposto ad erogare formazione e servizi ai dipendenti degli enti locali, sarà chiamata a svolgere nei prossimi anni un ruolo decisivo sia in termini di mediazione ed interpretazione delle istanze dei comuni sia attraverso la predisposizione di un set di interventi finalizzati ad offrire adeguato supporto e assistenza nella traduzione pratica delle novità che verranno progressivamente introdotte. Amministratori e tecnici dovranno in effetti ripensare il proprio ruolo sia in relazione al nuovo sistema di governance multilivello introdotto dalla riforma federalista, sia rispetto alle modalità organizzative e gestionali con cui tradurre e declinare l’attività programmatoria in interventi finalizzati alla erogazione dei servizi e più in generale allo svolgimento delle funzioni proprie dei comuni”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©