Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Federico II, giurisprudenza: gli studenti eleggono il presidente del Parlamentino di Facoltà


Federico II, giurisprudenza: gli studenti eleggono il presidente del Parlamentino di Facoltà
09/05/2009, 12:05

Mentre la Procura di Napoli indagava sugli esami della facoltà federiciana, la parte sana degli studenti ha eletto il nuovo Presidente del parlamentino di Facoltà. La scelta è ricaduta su Roberto Iacono ischitano vicino al Pdl ma dal suo primo intervento ci si rende subito conto che la sua non è stata una elezione politica ma fondata su di un programma largamente condiviso dagli altri rappresentanti.
 
“Questo consiglio di caratterizzerà per il rapporto di sana amicizia  che c’è tra la maggioranza dei suoi componenti e per le proposte che abbiamo intenzione di difendere e far approvare dalla facoltà. - afferma il neo eletto Presidente – Già Lunedì ci sarà il primo incontro con tutte le associazioni che operano a Giurisprudenza in modo da colmare la distanza che c’era tra il Consiglio e gli studenti.”
Anche il nuovo rappresentante al Polo delle Scienze Umane e Sociali, Antonio Padricelli, ha le idee molto chiare sui suoi compiti – Gli altri rappresentanti mi hanno dato una grande opportunità, e voglio essere all’altezza di questo compito. Mi sono già recato al Polo per poter essere informato sulla prossima gara di concessione della bouvette di Giurisprudenza. Non voglio che gli errori del passato vengano ripetuti.”
 
Viva soddisfazione viene espressa dai vertici universitari del Pdl “La semplicità con cui Giuseppe Chierchia, Federica La Rocca, Francesco Pagano e Daniele Avitabile hanno trovato una convergenza sui nomi di Iacono e Padricelli dimostra la bontà di intenti di questi ragazzi e l’estraneità di pressioni politiche o partitiche. Non possiamo altro che augurare loro un in bocca al lupo” – afferma Giusepe Sartore (avverti Giuseppe perché non l’ho sentito) presidente provinciale di Azione Universitaria.
 
 
“Sono estremamente felice che per la prima volta nella storia di Giurisprudenza ci sia un eletto del centrodestra a presiedere il Consiglio degli Studenti,” – conclude Armando Cesaro, presidente nazionale Studenti per la Libertà  “Inoltre conosco tutti i rappresentanti ed il loro valore e l’idea di far partecipare al consiglio tutte le associazioni dimostra il loro spirito liberale ed innovatore.”  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©