Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Per il quarto anno consecutivo

Fiat è il marchio con le più basse emissioni di co2 in Europa


Fiat è il marchio con le più basse emissioni di co2 in Europa
05/03/2011, 18:03

Per il quarto anno consecutivo, Fiat Automobiles è il brand che ha registrato il livello più basso di emissioni di CO2 delle vetture vendute in Europa nel 2010, con un valore medio di 123,1 g/km (4,7 g/Km in meno rispetto alla media del 2009). Anche come Gruppo, Fiat è risultato primo in classifica con 125,9 g/Km e un miglioramento di 5 g/Km rispetto all'anno scorso. Il primato è certificato dalla società JATO Dynamics, leader mondiale per la consulenza e la ricerca nel campo automotive.
Un primato importante e un miglioramento costante: negli ultimi 4 anni Fiat Automobiles ha ridotto le proprie emissioni medie del 10%, portandosi da 137,3 a 123,1 g/Km di CO2, andando molto oltre rispetto al target previsto dall'Unione Europea per il 2015, fissato a 130 g/Km.
Questo risultato testimonia l'impegno di Fiat nel campo della tutela ambientale anche grazie allo sviluppo di soluzioni semplici e ingegnose come il motore TwinAir, il propulsore turbo a benzina più "ecologico" del mondo; l'uso di carburanti alternativi quali Metano/GPL, settore in cui il brand è leader europeo; e lo sviluppo di tecnologie innovative quali eco:Drive, l'applicativo che aiuta ad avere uno stile di guida più responsabile ed eco-compatibile ed ha permesso ad una buona parte dei clienti che lo utilizzano assiduamente di ottenere risultati di emissioni addirittura migliori rispetto ai valori di omologazione.
Tutte le innovazioni eco-tecnologiche di Fiat sono raggruppate sotto il marchio "Air Technologies", che rappresenta e sintetizza l'evoluzione di un pensiero che negli ultimi 20 anni ha portato a lanciare sul mercato soluzioni rivoluzionarie, ma al tempo stesso semplici e a basso impatto ambientale, senza chiedere al cliente di rinunciare al piacere di guida che contraddistingue da sempre le auto italiane.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©