Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Fincantieri, domani Lucci (CISL) a Castellammare


Fincantieri, domani Lucci (CISL) a Castellammare
30/05/2011, 12:05

30 maggio 2011. «Occorre concretezza e capacità di condurre trattative delicate badando ai risultati tangibili, più che a momenti isolati di visibilità - ha dichiarato Lina Lucci, Segretario Generale Cisl Campania - per questa ragione circa nuove commesse e nuovi imprenditori interessati al sito di Castellammare di Stabia la politica degli annunci è sbagliata e, se gestita male, rischia di diventare un boomerang».

Domani, 31 maggio, alle ore 10 Lucci sarà a Castellamare per incontrare iscritti e simpatizzanti della Cisl, nel pomeriggio, alle ore 17.30 il confronto si sposta a Roma e coinvolge tutti i livelli dell’Organizzazione guidata da Raffaele Bonanni.

«Occorre fare tutto quanto è possibile per mantenere e rilanciare il sito di Castellamare – ha continuato Lucci – e la partecipazione attiva di tutta la città rappresenta un elemento fondamentale che rafforza ulteriormente le azioni che il sindacato sta portando avanti.

La Regione Campania, con l’accordo del 24 maggio, si è impegnata a finanziare la realizzazione del bacino di costruzione, ora deve fare fronte comune con noi per chiedere al Governo Nazionale di intervenire attivamente come è accaduto in Francia, anche per far sì che gli armatori, nel rinnovare le proprie flotte, si affidino a Fincantieri e quindi al sito di Castellammare.

Alle Istituzioni locali, Provincia e Comuni, ribadiamo con forza la necessità di definire misure capaci di assicurare processi attrattivi del territorio, attraverso l’abbassamento temporale della tassazione e della tariffazione locale e la garanzia di servizi che favoriscano il “fare impresa”.

«Domani discuteremo di questo con la categoria e con i lavoratori che hanno costituito una apposita task force dentro l’azienda. Nel pomeriggio porteremo le istanze e le proposte a Roma – ha concluso Lucci - per rilanciare il territorio ed evitare che diventi preda di illegalità e criminalità diffusa».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©