Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Il segretario: "Il ricatto non è logica contrattuale"

Fiom a Napoli, Landini: "Ribadiamo il no alla firma tecnica"


.

Fiom a Napoli, Landini: 'Ribadiamo il no alla firma tecnica'
05/01/2011, 14:01

NAPOLI - "La trattativa non c'é stata e la logica del prendere o lasciare, del ricatto non è una logica contrattuale. Noi da tempo stiamo chiedendo di riaprire una trattativa vera che porti a una mediazione tra diversi interessi e non un ricatto, non una cancellazione di diritti costituzionali, innanzitutto dei lavoratori". Questo il commento del leader della Fiom, Maurizio Landini, in merito alle parole del Capo dello Stato che ieri aveva chiesto un dialogo più costruttivo sulla vicenda Fiat. Landini, a Napoli per un'assemblea promossa dall'organizzazione dei metalmeccanici Cgil, ha accusato l'esecutivo. "Mi pare - ha detto rispondendo alle domande dei cronisti - che l'Italia sia l'unico Paese al mondo dove non c'é un'azione pubblica del governo nel settore auto. Obama per salvare le aziende si sa cosa ha fatto, lo sa bene anche Marchionne. In Germania e in Francia si capisce quali sono gli indirizzi di politica industriale. Uno dei disastri con cui noi siamo chiamati a fare i conti è proprio l'assenza totale del governo per la difesa del nostro apparato industriale".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©