Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Firmato il Protocollo d’Intesa tra la Fondazione C.I.V.E.S. e la Fondazione Casa del Lector


Firmato il Protocollo d’Intesa tra la Fondazione C.I.V.E.S. e la Fondazione Casa del Lector
05/03/2012, 10:03

"Napoli ha la sua casa a Madrid":con queste parole ha esordito il Presidente della Fondazione La Casa del Lettore, Cesar Antonio Molina, nell'atto della firma del Protocollo d'Intesa tra la Fondazione La Casa del Lector e la Fondazione C.I.V.E.S. presieduta da Nino Daniele.
"La Casa del lettore - ha proseguito - sarà inaugurata quest'anno, a settembre, e uno dei primi progetti messi in campo è proprio la stretta collaborazione e la sinergia con il Mav di Ercolano. Perché così come il Mav è un'istituzione che ha compiuto un'operazione unica ovvero è riuscita a ricreare il passato servendosi delle nuove tecnologie, allo stesso modo è unico il progetto della Casa del Lettore che lavora sui nuovi modi di avvicinarsi alla lettura nell'epoca delle nuove tecnologie, queste ultime dovranno modulare il nuovo approccio alla lettura, che è la difesa essenziale della democrazia".
Nino D'Aniele si è detto "orgoglioso di firmare un protocollo d'Intesa insieme a Molina che è una personalità prestigiosa della cultura europea. Parteciperemo all'inaugurazione della Casa del Lettore a settembre allestendo con il Mav uno spazio di diecimila metri quadrati e inoltre co - produrremo una grande mostra, da fare l'anno prossimo, partendo proprio da Ercolano, da Villa dei Papiri. Il tema sarà proprio una interpretazione, in chiave moderna, della lettura e della scrittura del mondo antico".
"La realtà spagnola - ha dichiarato l'assessore alla Cultura della Regione Campania, Caterina Miraglia - è una realtà che ci appartiene e la sigla di questa intesa non fa altro che rafforzare questa forte interconnessione tra Napoli, e dunque Ercolano, e le città spagnole.
La mia presenza qui testimonia quanto la scelta culturale della Regione Campania sia quella di sostenere con forza le istituzioni culturali presenti sul territorio e il Mav è una realtà oggettiva, uno strumento all'avanguardia che, per merito dei suoi operatori e delle loro grandi qualità che dobbiamo riconoscere, si posiziona oggi tra i primi dieci musei più visitati in Italia ".
Il Sindaco di Ercolano, Vincenzo Strazzullo, ha ricordato come "il Mav è un'eccellenza del nostro territorio e come questo antico legame tra Napoli e la Spagna viene rafforzato in un momento importante delle loro rispettive storie. Sarà sicuramente una preziosa occasione per suggellare per il futuro una crescita delle presenze turistiche sui nostri territori".
In ultimo un ringraziamento particolare è stato espresso da Nino Daniele nei confronti di Nicola Oddati, ex assessore alla Cultura del Comune di Napoli, e di Ciro Cacciola, Direttore del Mav, che hanno lavorato alla realizzazione di questo accordo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©