Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

FLOW - A work in Motion. Un'installazione monumentale di Pia MYrvoLD


FLOW - A work in Motion. Un'installazione monumentale di Pia MYrvoLD
15/04/2011, 14:04

Pia MYrvoLD FLOW - A work in Motion Zattere 417, Dorsoduro, Venezia Vernissage 31 maggio - 5 Giugno Opening 3 giugno Exhibition 6 giugno - 18 settembre 2011 La settimana dell'arte contemporanea a Venezia ospita l'installazione ad alta tecnologia dell'artista multimediale Pia MYrvoLD, norvegese emissaria di poesia visuale che utilizza interfacce interattive, sensori, suoni, video, per creare ambienti immersivi in cui le immagini in 3D, gli oggetti e lo spazio aprono nuove dimensioni sensoriali. L'installazione monumentale FLOW - A work in Motion sara' esposta a Venezia, alle Zattere, durante la vernice della Biennale d'Arte 2011 e fino al 18 settembre 2011.

Pia MYrvoLD e' conosciuta come artista a livello mondiale per la sua produzione ibrida, multimediale e indipendente, per le sue collaborazioni con diversi musei nel mondo e per le partnership con diverse personalita' dell'arte, del design e dell'architettura.

Nata come pittrice, Pia MYrvoLD ora dipinge con i processi digitali, con gli strumenti 3D e con programmi di animazione, trasportando l'osservatore in un universo virtuale di mutamenti cromatici, textures, suono bianco, immagini in movimento, fotografia e video. Dai primi anni Ottanta, il lavoro interdisciplinare di Pia MYrvoLD ha attraversato pittura, suono, video, le nuove tecnologie e l'arte relazionale.  Una dei primi artisti in Europa a lavorare con le interfacce di arte interattiva e a fare ricerca con i media 3D, Pia costruisce un universo visivo di macchine del futuro intrecciate a forme organiche, microchip, infrastrutture, che trovano origine nella biochimica, nella biologia e nelle scienze.

Con FLOW Pia MYrvoLD esplora il controllo della tecnologia, costringendo il mondo digitale a dar vita a forme organiche. La fusione di mondi cosi' distanti crea nuove mutazioni sinaptiche, nuove porte in un vortice acido e onnicomprensivo, in cui Spazio e Tempo si combinano in una genesi nella retina. Il futuro della pittura e' un'immagine statica o cambia nel tempo in relazione ai suoi interlocutori, alla loro interattivita' e all'ambiente? Il suo ultimo progetto, FLOW, e' un work in progress - un work in motion, dice Pia.  Video multicanale interattivi riprodotti su diversi moduli espositivi - tunnel da attraversare a piedi immersi nelle immagini in movimento, multischermi, spirali - che diventano essi stessi sculture o architetture, in cui gli oggetti e lo spazio creano nuove modalita' di fruizione e sviluppo delle nostre capacita' sensoriali.  Pia MYrvoLD FLOW - A work in Motion Vernissage 31 maggio - 5 Giugno Opening 3 giugno
Exhibition 6 giugno - 18 settembre 2011 ll calendario dettagliato degli eventi durante i giorni del vernissage sara' annunciato sul sito www.pia-myrvoLD.com/FLOW.

Location Zattere 417, Dorsoduro, Venice Lo spazio espositivo e' il deposito di libri antichi dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti, in Fondamenta degli Incurabili, Zattere, accanto all'Accademia di Belle Arti e alla Fondazione Vedova, e a 4 minuti a piedi dalla Collezione Peggy Guggenheim e da Punta della Dogana.

Come arrivare
A pochi metri dall'esposizione si trova la fermata Actv "Spirito Santo" da dove parte la linea 61 che collega direttamente con la fermata Giardini della Biennale d'Arte, tutti i giorni dalle 9 alle 20 ai minuti 14, 34, 54 (da Giardini linea 62 ai minuti 0, 20, 40).  Dalla fermata Zattere (3 minuti) la linea 51 collega con due fermate la Biennale Giardini tutti i giorni dalle 5 alle 24 ai minuti 1, 21, 41 (da Giardini linea 52 ai minuti 1, 21, 41).

THE FLOW prossimi eventi
L'installazione FLOW – A work in Motion sara' presentata a Venezia durante la Vernice della Biennale d'Arte 2011.
Una esposizione di FLOW e' prevista per Gennaio/Febbraio 2012 presso LACDA, The Los Angeles Digital Art Center.
Lo Stenersen Museum di Oslo presentera' un'installazione FLOW dall' 8 novembre 2012 al 20 gennaio 2013.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©