Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Fusco “Un’altra porcata della I.S.S. ai danni dei dipendenti”


Fusco “Un’altra porcata della I.S.S. ai danni dei dipendenti”
16/05/2010, 19:05

“Un’altra porcata della I.S.S. ai danni dei dipendenti”; queste le parole usate, ma ce ne sono delle altre, che Marco Fusco Segretario Generale della S.N.G.G., Sindacato Nazionale Guardie Giurate ha usato per commentare la comunicazione di sospensione dal lavoro e dalla retribuzione dei dipendente della International Security service di Nola, nota in quest’ultimo mese per il provvedimento di revoca di licenza. A scatenare “l’ira” di fusco è stata la comunicazione ricevuta dai suoi stessi iscritti dell’arrivo di una raccomandata da parte dell’azienda di vigilanza privata I.S.S. di Nola in cui si comunica che a far data dall’8 aprile le guardie particolari giurate sono sospese dal lavoro e dalla retribuzione. Certo – dice Fusco – indubbiamente potrebbe anche essere giusto l’atto dell’azienda di sospendere il personale ma non con una comunicazione a distanza di un mese, anche perché le stesse guardie particolari giurate hanno lavorato tranquillamente sino, pare, alla data del 21 Aprile 2010, nonostante il provvedimento di revoca di licenza. Ora la questione per dirla papale papale e a buon intenditore poche parole, è che tutti sapevano della revoca compreso Prefetto e Questore di Napoli e tutti, evidentemente hanno permesso dal’8 aprile sino al 21 aprile di lavorare tranquillamente senza che nessuna autorità dicesse nulla e senza che nessuno contestasse nulla a chi che sia, o almeno così pare. La questione sospensione invece assume una diversa forma. A noi pare – continua Marco Fusco – una vera e propria porcata ai danni dei dipendenti e cioè, vi spieghiamo quelli che per noi sono i motivi; sospendendo le GPG dall’8 aprile 2010 dal lavoro e dalla retribuzione, l’azienda dopo 6 mesi licenza per “giusta causa”(perché le GPG non sono in possesso dei titoli di Polizia) le 297 GPG senza dar loro diritto alla disoccupazione ed altro. Quindi dopo 6 mesi di sospensione senza nessun indennizzo finiranno licenziati in Ottobre 2010 senza avre diritto neanche alla disoccupazione; diteci voi se non è una porcata(termine usato solo per una questione di comunicato pubblico perché ci sarebbe ben altro da dire). E poi Fusco attacca gli Enti “Vorremmo proprio sapere che mestiere fanno gli Enti Napoletani e che cosa controllano e se controllano evidentemente sono ciechi e sordi”. Ma non finisce qui, Fusco annuncia che in un prossimo comunicato ci saranno cose ben più importanti o quanto meno non sottovalutabili.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©