Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Ga.Fi. Sud e UniCredit insieme al servizio delle imprese salernitane


Ga.Fi. Sud e UniCredit insieme al servizio delle imprese salernitane
27/05/2013, 14:15

 

Si è svolta,  a Salerno, presso la sede di Confindustria , la terza tappa di Gafinformaun seminario formativo in materia finanziaria che Ga.Fi. Sud, l’Organismo di Garanzia presieduto da Rosario Caputo, in collaborazione con UniCredit, sta portando avanti, con successo, in tutte le province della Campania. Un road show, voluto da di Ga.Fi. Sud con l’obiettivo primario di attivare un confronto con il mondo delle imprese per aiutarle a conoscere meglio il sistema bancario, con la volontà chiara e trasparente di facilitare la relazione quotidiana tra Banca e Impresa, in considerazione dell’applicazione delle severe regole di Basilea. I lavori, introdotti dal Presidente di Confindustria Salerno Mauro Maccauro, hanno registrato gli interventi del Presidente di Ga.Fi. Sud Rosario Caputo, del dott. Angelo Pinto e di Bruno Pignorio di Unicredit che hanno stimolato la discussione tra i numerosi imprenditori e professionisti presenti, interessati a comprendere le logiche per migliorare l’accesso al credito bancario.

 

Il nostro organismo – ha dichiarato Rosario Caputo, Presidente di Ga.Fi. Sud – è riuscito a consolidare, negli ultimi anni, la propria presenza a fianco delle imprese, raggiungendo continuamente obiettivi eccellenti. Basta citare alcuni dati del bilancio 2012 approvato lo scorso mese: utile di oltre 455.000 euro, +5% del volume di garanzie, +11% di nuovi associati, nonché una maggiore solidità patrimoniale. Questi risultati rivestono, a mio avviso, una importanza particolare perché raggiunti in un momento di drammatica difficoltà congiunturale, aggravato da un credit crunch sempre più asfissiante per le imprese. L’efficienza operativa del nostro consorzio è riuscita a creare opportunità concrete in grado di favorire un rapporto sempre più proficuo tra il sistema bancario e le imprese della nostra regione. Uno sviluppo, il nostro, che ha permesso il raggiungimento dei requisiti per l’iscrizione tra i soggetti vigilati da Banca d’Italia ai sensi dell’art. 107 del T.U.B. e, dopo avere avviato l’iter, siamo in attesa di conoscere le determinazioni di Banca d’Italia. Ciò - conclude Caputo - si tradurrà in un indubbio vantaggio per il sistema economico produttivo che a noi si rivolgerà e permetterà, da un lato, di far ridurre gli assorbimenti patrimoniali delle banche a fronte del credito garantito e dall’altro faciliterà e migliorerà l’accesso al credito delle piccole e medie imprese associate”.

 

“L'iniziativa - sottolinea Felice Delle Femine, Regional Manager Sud di UniCredit - si inserisce nell'ambito di un più generale programma di interventi formativi a favore delle diverse realtà del nostro territorio. Nello specifico l'attività realizzata in collaborazione con GA.Fi Sud ha lo scopo di agevolare le imprese nell'accesso al credito, dando tutti gli strumenti necessari per scelte consapevoli nel condurre la propria azienda nell'attuale contesto economico. Tra le tematiche che verranno affrontate si parlerà anche di Reti d'Impresa e delle opportunità che si generano nell'aggregazione, perché oggi è fondamentale superare il fattore dimensionale per competere sui mercati nazionali ed internazionali. Questa e' una nuova dimostrazione dell'impegno di UniCredit a favore dei clienti e delle comunità nelle quali la banca opera e per questo ringrazio Ga.Fi Sud per la disponibilità e sensibilità dimostrata"

 

 


 

* Dati Salienti Bilancio Ga.Fi. Sud 2012

 

L’anno appena trascorso ha registrato un successo per Ga.Fi. Sud e per le imprese ad esso associate. Ne è testimonianza il fatto che, pur in presenza di una drastica riduzione del credito, per cui gli impieghi bancari al sistema produttivo nel 2012 sono diminuiti del 4%, GA.FI. Sud ha registrato nell’analogo periodo un aumento del 5% del volume di garanzie concesse rispetto al 2011.

 

Al 31.12.2012, GA.FI. Sud ha conseguito le seguenti performance:

 

  • Il bilancio, revisionato dalla società Deloitte & Touche spa e approvato all’unanimità, ha registrato un utile di 455.000 euro;

 

  • Il numero delle imprese associate è pari a 1.599, di cui n. 155 ammesse nel solo anno 2012 con una crescita dell’ 11%;

 

  • I mezzi patrimoniali disponibili a presidio dell’attività di garanzia sono complessivamente pari ad € 8.790.337. Essi assicurano una copertura dei rischi assunti pari al 37,92% a fronte di un coefficiente patrimoniale minimo richiesto del 6%. Ciò a testimonianza di quanto sia attento il Confidi nell’assunzione dei rischi, che potenzialmente può incrementare ancora la propria attività di oltre 6 volte con la medesima dotazione patrimoniale;

 

  • L’incidenza delle sofferenze storiche sui crediti garantiti si attesta al 1,50%, con una copertura pari al 97% che indica un oculato presidio dei rischi creditizi;

 

  • Gli affidamenti garantiti al 2012 sono stati circa € 130 milioni, mentre dalla costituzione ammontano a oltre € 855 milioni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©