Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

100 scuole 10000 ragazzi: sport per la legalità

Giocosport,festa che premia le scuole delle zone a rischio

Palavesuvio gare,esibizioni e premi per tutti i partecipanti

Giocosport,festa che premia le scuole delle zone a rischio
14/04/2011, 09:04

Napoli – Cento scuole, 10 mila ragazzi, questi i numeri di “Giocosport” edizione 2011, manifestazione voluta ed organizzata dal CONI di Napoli, che ha visto impegnati diversi circoli didattici del territorio cittadino per due mesi in allenamenti e prove; tutti tranne che per alcuni di essi dislocati nelle zone Così dette a “Rischio”. Infatti per 1000 ragazzi delle scuole di Scampia, Forcella, Quartieri Spagnoli e Piazza Mercato, le prove e gli allenamenti sono andati avanti per 4 mesi, il doppio rispetto agli altri. Ed è proprio per loro che è stata organizzata una grande festa/esibizione presso il Palavesuvio di Ponticelli, dove i ragazzi hanno deliziato gli spettatori gareggiando in diverse discipline e dove lo sport è inteso come incentivo alla legalità, come ci spiega il presidente del Coni di Napoli Amedeo Salerno:” Noi abbiamo tentato di coltivare nei ragazzi l’ interesse allo sport, facendolo praticare nelle ore scolastiche, nella speranza che poi potesse continuare ad occupare altri spazi nei pomeriggi quotidiani, distogliendo così la loro attenzione da visioni illegali a cui assistere nei loro quartieri”. Per loro al termine delle gare c’è stata una vera e propria premiazione, con la sola differenza che premi e riconoscimenti erano gli stessi per tutti senza distinzione di bravura e capacità, come a sottolineare un tutti uguali , tutti vincitori nella legalità. Tutti uguali, quindi, come il life motive del reclutamento alla partecipazione come ci spiega ancora il Dott. Salerno:” Non abbiamo effettuato nessuna selezione, abbiamo iscritto tutti i ragazzi, quello bravo e quello meno, quello grasso, quello magro, quello più incline allo sport e quello meno. Tutto ad inneggiare una uguaglianza forte del L’ importante è partecipare.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©