Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Giornata di studio in onore del giudice costituzionale Giuseppe Tesauro


Giornata di studio in onore del giudice costituzionale Giuseppe Tesauro
15/11/2012, 17:51

Sarà Vassilios Skouris, Presidente della Corte di Giustizia dell'Unione europea, ad aprire i lavori della Giornata di studio in onore del giudice costituzionale Giuseppe Tesauro. L’incontro, che si avvarrà della presenza di giuristi internazionali, verterà su: ‘La tutela dei diritti oltre le norme nazionali’ e si terrà venerdì 16 novembre 2012, dalle 9.15, nell’Aula Magna Storica dell’Università Federico II, in corso Umberto I, 40, a Napoli.

        In programma, uno specifico focus sulla tematica riguardante il fondamentale ruolo della Corte di Giustizia dell’Unione europea e dei Giudici Nazionali nel riconoscimento dei diritti provenienti dall’ordinamento dell'Unione europea. Nelle tavole rotonde previste si intreccerà il dialogo tra giudici della Corte di giustizia, giudici della Corte Costituzionale e docenti esperti della materia, italiani e stranieri. Tra i tanti: Franco Gallo, Francesco Amirante, Antonio Tizzano, Gil Carlos Rodriguez Iglesias (Spagna) e Josè Luis da Cruz Villaça (Portogallo), Ami Barav (Francia), Francis Jacobs (Inghilterra), Umberto Leanza.

       Giuseppe Tesauro, giudice costituzionale, illustre giurista italiano esperto di diritto dell’Unione Europea, laureato alla Federico II, ha rivestito, tra gli altri, l’incarico di Avvocato Generale presso la Corte di Giustizia dell’Unione europea e Presidente della Autorità Garante della Concorrenza e Mercato.

       Daranno il via ai lavori i saluti di Franco Gallo, Vicepresidente della Corte Costituzionale, Massimo Marrelli, Magnifico Rettore dell’Ateneo Federico II, Lucio De Giovanni, Preside della Facoltà di Giurisprudenza, Marco Musella, Preside della Facoltà di Scienze Politiche, Mario Rusciano, Presidente Polo delle Scienze Umane e Sociali della Federico II, e Laura Forlati Picchio, Presidente della Società Italiana di Diritto Internazionale. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©