Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Gli alunni della Bordiga in visita all'ACIIEF


Gli alunni della Bordiga in visita all'ACIIEF
26/05/2009, 09:05

Circa cento alunni insieme ai professori della scuola media statale Oreste Bordiga di Ponticelli (Napoli) hanno visitato i laboratori di pizzeria e arti bianche, pasticceria, estetica, acconciatura, saldatura, elettricista elettronica e meccanica delle sedi dell’A.C.I.I.E.F., ente di formazione professionale accreditato presso la Regione Campania. Il preside della scuola, Dionisio Malandrino, da sempre impegnato nel recupero dei giovani a rischio e soprattutto pioniere del marketing sociale nelle scuole, ha fortemente voluto questo incontro osmotico tra il mondo dell’istruzione e quello della formazione.

«Noi abbiamo accolto questo incontro con molto entusiasmo – ha dichiarato Dolores Cuomo, responsabile dei corsi di formazione dell’A.C.I.I.E.F. – perché riteniamo che mostrare ai ragazzi in modo pratico, facendogli toccare con mano, in concreto, le attività laboratoriali che caratterizzano i corsi di formazione, possa aiutarli ad orientarsi con maggiore consapevolezza verso il percorso di istruzione e/o formazione più idoneo per la scelta lavorativa del loro futuro. Il tentativo di avviare questo tipo di collaborazione è stato già intrapreso con percorsi sperimentali finanziati dalla Regione, ma siamo ancora lontani da una reale integrazione paritetica tra istruzione e formazione».

«Sono anni che giro l’Europa, in particolare nella penisola Scandinava e in Inghilterra, per raccogliere idee e formulare proposte costruttive da “importare” – ha spiegato Dionisio Malandrino, dirigente scolastico della Bordiga da 22 anni -: sono fermamente convinto che l’esempio di altri paesi ci può far crescere. La mia proposta è realizzare un progetto congiunto “Scuola-Enti di formazione accreditati”, ma a questo programma deve dare risposta anche la Regione Campania, con un intervento che metta da parte la formazione “volatile” e punti su una riqualificazione di fatto del settore».

La scuola media Bordiga di Ponticelli è stata in passato vittima di atti vandalici (l’ultima, che causò danni gravi alla struttura di via Argine, nel 2006) ma è conosciuta soprattutto per le attività innovative ideate dal preside Malandrino a sostegno del recupero di ragazzi ad alto rischio sociale. L’idea di un progetto congiunto scuola-formazione gli è venuta dopo una visita ad una scuola nella penisola scandinava, dove i giovani allievi si dividono tra l’istruzione e la formazione, ottenendo al contempo una scolarizzazione elevata ed una qualifica professionale. L’A.C.I.I.E.F., scuola di formazione professionale leader a Napoli ed in Campania, ha immediatamente raccolto l’invito del dirigente scolastico Malandrino a presentare una proposta ufficiale di coesione tra i due settori.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©