Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Gli studenti consegnano per protesta lauree Honoris Causa contro la "noia" della precarietà


Gli studenti consegnano per protesta lauree Honoris Causa contro la 'noia' della precarietà
02/02/2012, 15:02

"Mentre la laurea diventa carta straccia gli studenti distribuiscono lauree honoris causa occupando segreterie e presidenze. Contro la "noia" della distruzione dell'Università"

Oggi studenti e precari di Napoli hanno distribuito Lauree Honoris Causa nella segreteria e nei dipartimenti dell’Università Federico II e dell’Orientale.

Una laurea Honoris Causa è stata anche consegnata in contumacia al Rettore della Federico II Massimo Marrelli, e al pro-rettore, che ha avuto la visita degli studenti proprio negli uffici del rettorato, complici a vario titolo, come tutta la governance accademica del paese, dei processi di riforma del mondo della formazione che ci hanno portato a questo punto, e costretti a tamponare i tagli e le macerie senza però porsi il problema dell’alternativa.

Una laurea honoris causa, come quella consegnata a Giorgio Napolitano, vero architetto del governo dei bocconiani e della macelleria sociale, che a 86 anni si accredita quale sfigato, così come sottolineato dalle dichiarazioni dell’iper raccomandato sottosegretario all’Istruzione Michel Martone.

Stamattina siamo andati a portare un po’ di allegria sui posti di lavoro garantiti della burocrazia accademica, pieni di monotonia, come ha detto proprio ieri Monti su Repubblica.
La protesta infatti si rivolge innanzitutto contro il governo Monti, che ha avanzato in Consiglio dei Ministri la proposta di abolire il valore legale del titolo di studio.

Lauree e diplomi non valgono già niente sul mercato del lavoro, ma con questo provvedimento si decreta l’ineluttabilità del lavoro gratuito attraverso stage e tirocini, della precarietà assoluta, e di fatto della sparizione dell’Università Pubblica, già ridotta a macerie dai tagli e dalle riforme.

La laurea diventa carta straccia, conterà sempre di più il prestigio delle università private del nord, accessibili solo alle elite, ed esclusive per i più. Una laurea honoris, pur se svalutata, a tutti gli studenti precari costretti a lavorare a nero, gratuitamente o con contratti precari, per mantenersi agli studi o per far crescere il proprio curriculum di sfruttamento.

A questo governo vogliamo dire che dovrà fare i conti con noi precari, che non ci rassegnamo a un orizzonte di precarietà e sfruttamento, e che siamo stufi di essere sfottuti per la condizione che questa classe dirigente ci costringe a vivere. Ma quale posto posto fisso, ma che monotonia, Monti i precari ti cacceranno via!!". Così le Reti studentesche dello spazio sociale Zer081 Aula Flex Napoli Aula LP Lettere Precarie Napoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©