Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Global India Business Meeting: la locomotiva indiana fa tappa a Napoli


Global India Business Meeting: la locomotiva indiana fa tappa a Napoli
24/06/2011, 17:06

Napoli, 24 giugno 2011 - Il 26 e 27 giugno si terrà a Napoli, presso l'Hotel Royal Continental, la terza edizione del Global India Business Meeting, incontro promosso dalla Fondazione Horasis, attraverso Marco Ferretti (docente Università Parthenope) e Massimo De Falco (docente Università di Salerno), entrambi partner di Defcon, società napoletana incaricata da Horasis dell'organizzazione dell'iniziativa.

L'evento, realizzato in collaborazione con Regione Campania, Comune di Napoli, Camera di Commercio di Napoli, Campania Innovazione e Ficci (Federation of Indian Chambers of Commerce and Industry), riunirà circa 400 fra rappresentanti di governo ed amministratori delegati delle più importanti società ed imprese attive sul territorio indiano.

Si tratta quindi di un'occasione unica per la Campania, per mettere in mostra il meglio del sistema produttivo territoriale e sviluppare nuove occasioni di collaborazione con le imprese indiane interessate al nostro sistema produttivo ed industriale.

La Repubblica Indiana, grazie ad una politica di liberalizzazione economica che ha incrementato lo sviluppo commerciale delle nuove tecnologie, presenta negli ultimi anni un tasso di crescita del PIL compreso fra il 6 ed il 7 per cento annuo, ed offre agli investitori stranieri un mercato ampiamente recettivo, costituito da circa 100 milioni di nuovi consumatori, dotati di un crescente potere d'acquisto.

Numerose le tematiche in programma durante la due giorni napoletana: incentivi per gli investimenti stranieri; modernizzazione delle infrastrutture; alta tecnologie ed energie rinnovabili; nuove tecnologie per l'agricoltura. Saranno aperti diversi tavoli di confronto, pensati per favorire immediate prospettive di partenariato, con incontri "B2B" fra decisori economici di primo livello su temi chiave come trasporti, logistica, shipping, turismo, Ict e specialità eno-gastronomiche.

Durante l'incontro, si potranno esplorare le potenzialità di partnership con il sistema regionale della conoscenza, costituito dai centri di ricerca campani che rappresentano globalmente un'impresa di circa 9 mila soggetti, con elevato tasso di specializzazione e di competenza scientifica

Ai protagonisti dell'economia indiana verranno inoltre illustrati tutti gli strumenti messi a disposizione dal Governo nazionale e regionale, per favorire la localizzazione di imprese straniere sul territorio campano.

“Ospitare questo evento – spiega Guido Trombetti, Assessore regionale alla Ricerca scientifica - è una grande opportunità per Napoli. Per far conoscere le nostre imprese ad un mercato in forte crescita come quello indiano. E’ l’occasione per presentarsi con tutte le nostre numerose eccellenze e competenze agli investitori stranieri. Il confronto e l’incontro con gli altri Paesi del Mondo sono sempre momenti di arricchimento reciproco e di rilancio per nuove sfide. Anche il Global India Business Meeting sarà lo spazio entro il quale far conoscere la nostra Agenzia per lo Sviluppo del territorio, Campania Innovazione, di recente apprezzata a Stoccolma in occasione della Conferenza Mondiale promossa dall'Associazione Internazionale delle Piccole
Imprese (ICSB)".


“L’India - sottolinea Giuseppe Zollo, Presidente di Campania Innovazione - è uno dei mercati più importanti del Mondo, con un sistema produttivo fortemente votato all’alta tecnologia. Campania Innovazione sta strutturando un lavoro di rete a livello regionale, nazionale ed internazionale per promuovere e valorizzare sui mercati globali le eccellenze del sistema ricerca e impresa. Abbiamo una ricerca di valore da consolidare in nuova realtà imprenditoriale e piccole e medie imprese naturalmente votate all’export. Grazie a progetti di networking come il Global India Business Meeting, il nostro territorio ha l’opportunità di dar vita ad azioni di sistema a supporto dell’apertura internazionale, senza la quale non è possibile innescare processi di innovazione e sviluppo”.




Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©