Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

I DISOCCUPATI PROTESTANO CONTRO LA GESTIONE GOVERNATIVA DELL'EMERGENZA RIFIUTI


.

I DISOCCUPATI PROTESTANO CONTRO LA GESTIONE GOVERNATIVA DELL'EMERGENZA RIFIUTI
02/07/2008, 11:07

 

 L’ennesimo show berlusconiano nella sua visita napoletana ha dimostrato il suo lato peggiore sotto il profilo propagandistico con annunci che fanno ripercorrere il ventennio fascista. Ancora una volta ha mostrato l’aspetto repressivo e militare del suo governo annunciando l’arrivo di 3000 alpini per impegnarsi nella raccolta differenziata, il completamento del termovalorizzatore di Acerra e la costruzione di nuovi impianti da parte dei privati. La questione rifiuti come già più volte avevamo ribadito è soltanto un business per capitalizzare fondi e profitti di banche ed imprese mentre la situazione ambientale resta grave e dannosa per i cittadini. Oltre all’arroganza di Berlusconi ci troviamo di fronte al ridicolo teatro dell’amministrazione comunale che lancia la sperimentazione della raccolta porta a porta interessata a 6000 famiglie napoletane ed intanto si appresta ad acquistare il mostro inceneritore di Brescia… a questo punto ci chiediamo quale futuro avrà la raccolta differenziata in questa città ? ma soprattutto i 3000 corsisti ISOLA impegnati nei progetti di raccolta differenziata, bonifiche e compostaggio quale opportunità e prospettive occupazionali di stabilizzazione si possono delineare secondo gli aspetti proposti? La nostra battaglia e la nostra determinazione non vedrà il suo arresto dinanzi al volto arrogante del Governo Berlusconi né all’aspetto ridicolo che le Amministrazioni Locali stanno mostrando. Il Coordinamento di Lotta x il Lavoro insieme alle altre realtà sociali continuerà a persistere nella sua lotta anche sotto il profilo dell’ordine pubblico fino a quando sia il Governo che il Comune di Napoli non faranno un passo indietro sull’utilizzo dei volontari ed attueranno un serio piano e programma di stabilizzazione dei corsisti ISOLA nei settori della raccolta e del miglioramento dell’ambiente.
 

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©