Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

I PRECARI ISOLA OCCUPANO PALCO PINO DANIELE


I PRECARI ISOLA OCCUPANO PALCO PINO DANIELE
08/07/2008, 10:07

I precari del Progetto I.SO.LA. aderenti al Coordinamento di Lotta x il Lavoro, disoccupati e indultati aderenti al Movimento disoccupati in lotta x il lavoro e Unione disoccupati organizzati e Movimento disoccupati Scampia hanno occupato sin dalle prime ore del mattino il palco per l’esibizione di Pino Daniele in Piazza del Plebiscito. Questa iniziativa è volta a manifestare ed evidenziare le questioni che i movimenti da mesi stanno ponendo alle Istituzioni locali ed il Governo centrale: la immediata revoca dell’ordinanza dell’invio di volontari, alpini e chiunque altro voglia “ sensibilizzare “ i cittadini campani sulla raccolta differenziata, in quanto sono attivi 3000 precari in aziende che operano nel settore ambientale sulla raccolta differenziata e sulle bonifiche, dove da anni chiedono di essere stabilizzati all’interno di società a controllo pubblico e garanzia di tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini per fermare lo scellerato ed assurdo giro vizioso del profitto ed affarismo clientelare di aziende private collegate alla collusione politico-mafiosa. L’ immediato avvio di tirocini per i beneficiari dell’indulto per un riscatto sociale e reintegrazioni in percorsi di legalità e sviluppo, immediato avvio dei bandi di accesso ai corsi di formazione per i disoccupati di lunga durata, immediata riqualificazione territoriale e bonifiche di Scampia e Secondigliano. La protesta è scattata inoltre per denunciare la latitanza del sottosegretario al lavoro Viespoli che ha già revocato 3 volte un confronto con le realtà firmatarie del comunicato. L’occupazione andrà avanti ad oltranza con il rischio di far slittare l’evento fino a quando il Governo centrale e le Istituzioni locali non daranno certezze e garanzie sulle nostre richieste. Il lavoro è un problema politico ma l’arroganza e le provocazioni di questo Governo ledono la forma del dialogo per le risoluzioni dei problemi in corso, trasformando il tutto in questioni di ordine pubblico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©