Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

I TARI' DIVENTANO MONETA UFFICIALE DEL FESTIVAL DELLE ANTICHE REPUBBLICHE MARINARE


I TARI' DIVENTANO MONETA UFFICIALE DEL FESTIVAL DELLE ANTICHE REPUBBLICHE MARINARE
16/09/2008, 14:09

Ad Amalfi si acquista con il Tarì fino al 28 settembre. L’iniziativa rientra nel 1° Festival delle Antiche Repubbliche Marinare ed è realizzata dalla Cidec che presso tutti gli esercizi commerciali convenzionati della città (circa una cinquantina) ha previsto la possibilità di spendere con la vecchia moneta medievale dell’antica repubblica amalfitana coniata in centinaia di esemplari alcuni dei quali persino placcati in oro.

 
I Tarì, del costo di cinque euro ciascuno, saranno regalati come buono spesa ai turisti ed ai visitatori che affolleranno la cittadina costiera durante i giorni in cui si svolge l’evento a metà tra storia arte e spiritualità, o come ricordo dell’iniziativa a fronte di una spesa di cinquanta euro.
 
Ma non è tutto, in quanto per coloro che vorranno meterialmente spendere con l’antica moneta amalfitana ricorrendo così al fascino dei sacchettini e del tintinnio del metallo che caratterizzavano gli scambi commerciali ed economici nel bacino del Mediterraneo, è possibile acquistare gli esemplari di tarì al costo di 5 euro ciascuno presso il punto informazioni ubicato all’ingresso della Porta della Marina.
 
I Tarì, spiegano dalla Cidec, potranno essere spesi in uno dei circa cinquanta esercizi commerciali di Amafi che aderiscono all’iniziativa e nei quali oltre all’euro è possibile fare acquisti ricorrendo appunto alla vecchia moneta che è stata riportata in vita a distanza di secoli dagli antichi fasti attraverso la fedele riproduzione di un suo esemplare, oggi conservato presso il Centro di Cultura e Storia Amalfitana. Il Tareno o Tarì (dall’Arabo “coniato di fresco”) fu la moneta Amalfitana in vigore dalla prima metà del X secolo fino al 1222 e che la Cidec nell’ambito dell’iniziativa “Shopping ad Amalfi con il Tarì”, ha inteso rispolverare. Tutto questo, in occasione anche dell’VIII centenario della traslazione delle reliquie di Sant’Andrea Apostolo.
 
Sulla moneta è inciso la dizione 1208 – 2008 in ricordo dell’ottavo centenario della traslazione delle spoglie di Sant’Andrea Apostolo, mentre il ricavato derivante dalla vendita dei tarì sarà devoluto in beneficenza - spiega il delegato Cidec, Francesco Florio - Un ringraziamento per l’opportunità che è stata concessa ad Amalfi con il Festival delle Repubbliche Marinare va all’Assessore regionale al Turismo, Claudio Velardi, all’amministratore dell’Ept e dell’Azienda di Soggiorno e Turismo di Amalfi, Gennaro Avella, all’amministrazione comunale di Amalfi e al Presidente della Provincia di Salerno, Angelo Villani”.
 
 
 
L’iniziativa che ha preso il via il 14 settembre con il taglio del nastro del 1° Festival delle Repubbliche Marinare finanziato dalla Regione Campania, si concluderà il prossimo 28 settem,bre in occasione della kermesse realizzata per celebrare l’arte e la tradizione musicale delle quattro repubbliche marinare di Amalfi, Genova, Pisa e Venezia che nel Medioevo furono artefici di uno straordinario processo d’interscambio economico e culturale con i paesi del Mediterraneo. , Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali, e promosso, in collaborazione con il Comune di Amalfi, dall’Azienda Autonoma di Soggiorno sotto la regia dell’Ente provinciale per il turismo di Salernoe Turismo di Amalfi

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©