Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

IL COMUNE DI ACERRA DA LEZIONI DI "BONIFICA DEL TERRITORIO MEDIANTE APPROCCI INTEGRATI"


IL COMUNE DI ACERRA DA LEZIONI DI 'BONIFICA DEL TERRITORIO MEDIANTE APPROCCI INTEGRATI'
17/09/2008, 12:09

Martedì 23 e mercoledì 24 settembre 2008, con inizio alle ore 18:00, presso la sala convegni del Castello Baronale in Acerra, ritorna il ciclo di lezioni della Scuola Estiva di Alta Formazione. Quest'anno si parlerà de “La Bonifica del territorio mediante approcci integrati”.

Un seminario di due giorni aperto a tutti ed in particolare a laureati nell'ultimo quinquennio (a partire dall'anno accademico 2002-2003) o studenti dell'ultimo biennio in Scienze Ambientali, Ingegneria, Scienze Agrarie, Biologia, Chimica, Giurisprudenza, Geologia, che potranno partecipare anche al concorso per 10 borse di studio. 
La manifestazione è organizzata, per il settimo anno consecutivo, dalla Fondazione Istituto Europeo per gli Studi Storici ed Ambientali “Gaetano Caporale” e dall'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici in collaborazione con il Comune di Acerra e l'associazione Eco-Culturale “Eidos onlus”.
 
Con il contributo del Comune di Acerra sono state messe a concorso 10 borse di studio di 100 euro ciascuna (il bando è presente sui siti www.eidosacerra.it e www.fondazionecaporale.it e le domande dovranno essere inviate a mezzo raccomandata A/R entro e non oltre il 20 settembre 2008 presso la sede della Fondazione (Via Leonardo Da Vinci, 65 cap. 80011 Acerra) oppure consegnate a mano entro e non oltre le ore 18:00 del 22 settembre 2008 presso l'Ufficio Informagiovani del Comune di Acerra (Castello Baronale, piano terra, tel. 081-5205588).
Ecco il programma: prima lezione martedì 23 settembre. Dopo i saluti del Sindaco Espedito Marletta, interverrà il direttore della fondazione “Caporale”, Luigi Montano. Relazioneranno: Giovanni Vallini, Dipartimento scientifico dell'Università di Verona; e Walter Ganapini, assessore regionale all'Ambiente.
Mercoledi 24 settembre interverranno: Antonio Di Gennaro, agronomo dell'Università “Federico II” di Napoli; e il magistrato Donato Ceglie.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©