Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Il Ministro Balduzzi alla Sun


Il Ministro Balduzzi alla Sun
12/03/2012, 16:03

Il rapporto tra Servizio Sanitario Nazionale e Policlinici Universitari, il percorso di formazione universitaria e di specializzazione dei medici, la necessità di istituire un tavolo di lavoro tra il Ministero della Salute e la Conferenza dei Presidi per individuare soluzioni efficaci alle problematiche riportate dalle Università, il rapporto tra Servizio Sanitario Nazionale e Policlinici Universitari, il percorso di formazione nel quadro di una costante attenzione a un’ottica di armonizzazione del sistema con il panorama europeo, in sinergia con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca scientifica. Sarà una giornata di approfondimento sul tema della Sanità universitaria, un confronto sulle sue criticità e punti di forza dal titolo “Sanità universitaria oggi”, che si terrà martedì 13 marzo alle ore 11 presso la Sala Conferenze della Facoltà di Medicina e Chirurgia in via Costantinopoli 104, e che vedrà la partecipazione del Ministro della Salute Renato Balduzzi.
“Garantire una Sanità universitaria di qualità è una prerogativa fondamentale per gli Atenei – afferma Francesco Rossi, Rettore della Sun –, ed è necessario sviluppare questa risorsa strategica, attraverso un rapporto integrato tra ricerca ed assistenza, così come è necessario mettere in campo sinergie tra Ministero, Regione e Atenei per superare le attuali criticità delle nostre Facoltà di Medicina”.
Il dibattito rientra nel ciclo di seminari di SunCreaCultura, incontri di carattere scientifico e culturale che hanno visto decine di protagonisti del panorama culturale italiano e internazionale dibattere sui temi più diversi.
Introdurranno Francesco Rossi, Rettore della Sun e Giuseppe Paolisso, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia.
“La Scuola di Medicina si deve adeguare ai tempi – dice Paolisso – E’ indispensabile che essa sia parte integrante del Servizio Sanitario Nazionale per superare le difficoltà organizzative e di budget, ma anche per qualificare al meglio le attività delle Scuole di Specializzazione, senza abdicare al ruolo di guida che le Università hanno nei riguardi delle Scuole stesse”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©