Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Il nuovo corso di MINI Motorsport nel WRC FIA


Il nuovo corso di MINI Motorsport nel WRC FIA
22/03/2012, 13:03

Monaco. Dopo il secondo posto di Dani Sordo (ES) e Carlos del Bario (ES) che ha segnato il ritorno del marchio al leggendario Rally di Monte Carlo, ora è stata tracciata la direzione per la presenza di MINI a lungo termine nel Campionato Mondiale Rally FIA (WRC): giovedì 2 febbraio, la Fédération Internationale de l’Automobile (FIA) ha autorizzato la partecipazione da parte di due vetture ufficiali del Portugal MINI WRC Team al Campionato Mondiale Rally FIA 2012 per Costruttori. Di conseguenza, la MINI completerà l’omologazione della MINI John Cooper Works WRC. Il Portugal MINI WRC Team – composto da Armindo Araújo (PT) e dal suo co-pilota Miguel Ramalho (PT), nonché da Paulo Nobre (BR) e dal suo co-pilota Edu Paula (BR) – correranno nei restanti 12 eventi del Campionato Mondiale Rally FIA 2012.

Questa omologazione a lungo termine assicura che la MINI John Cooper Works WRC potrà essere utilizzata nella premiere league dei rally ed in altre serie, secondo i regolamenti FIA, fino a tutto il 2018. La collaborazione con la Prodrive sarà posta su nuove basi. La Prodrive rimane responsabile della costruzione e del supporto delle MINI John Cooper Works WRC private e continuerà a lavorare con il BMW Group sull’ulteriore sviluppo della vettura. D’ora in poi, il WRC Team, gestito dalla Prodrive, parteciperà come team privato di supporto.

“Sono contento che il futuro della MINI nel WRC abbia una prospettiva di lungo termine”, ha commentato il Dr. Kay Segler, Senior Vice President MINI Business Coordination & Brand Management. “Rimaniamo convinti che lo sport dei rally si adatta perfettamente al nostro marchio. La situazione in cui ci troviamo ora significa che la famiglia degli sport motoristici MINI potrà continuare a crescere nel mondo dei rally. Con tre podi in appena sette gare del campionato mondiale, la MINI John Cooper Works WRC ha già dimostrato in modo evidente il suo potenziale. Sono fiducioso che i nostri team privati in tutto il mondo continueranno a entusiasmare gli appassionati MINI con queste vetture nei prossimi anni. La FIA era interessata quanto noi alla presenza a lungo termine del nostro marchio nel Campionato Mondiale Rally ed è stata coinvolta attivamente per cercare una soluzione valida. Siamo grati della buona cooperazione e comprensione che ha dimostrato nei nostri confronti”.

Segler ha poi aggiunto: “Con il suo grande entusiasmo e con il suo lavoro, il team Prodrive ha giocato un ruolo di primaria importanza nel notevole successo sportivo che abbiamo conseguito nelle nostre prime uscite con la MINI John Cooper Works WRC. Per conto della MINI Motorsport, vorrei ringraziare la Prodrive per gli sforzi che ha prodotto finora e non vediamo l’ora di lavorare con lei per offrire, in futuro, il sostegno ai nostri clienti MINI John Cooper Works WRC”.



Il BMW Group

Il BMW Group, con i marchi BMW, MINI, Husqvarna Motorcycles e Rolls-Royce, è uno dei costruttori di automobili e motociclette di maggior successo nel mondo. Essendo un’azienda globale, il BMW Group dispone di 25 stabilimenti di produzione dislocati in 14 paesi e di una rete di vendita diffusa in più di 140 nazioni.

Il BMW Group ha raggiunto nel 2011 volumi di vendita di 1,67 milioni di automobili e oltre 113.000 motociclette nel mondo. I profitti lordi per il 2010 sono stati di 4,8 miliardi di Euro, il fatturato è stato di 60,5 miliardi di Euro. La forza lavoro del BMW Group al 31 dicembre 2010 era di circa 95.500 associati.

Il successo del BMW Group è fondato su una visione responsabile e di lungo periodo. Per questo motivo, l’azienda ha sempre adottato una filosofia fondata sulla eco-compatibilità e sulla sostenibilità all’interno dell’intera catena di valore, includendo la responsabilità sui prodotti e un chiaro impegno nell’utilizzo responsabile delle risorse. In virtù di questo impegno, negli ultimi sette anni, il BMW Group è stato riconosciuto come leader di settore nel Dow Jones Sustainability Index.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©